La trilogia dello Hobbit è costata finora 561 milioni di dollari

THE HOBBIT: THE DESOLATION OF SMAUG

E’ Variety a pubblicare la cifra ufficiale: la trilogia dello Hobbit è costata, dal primo giorno di sviluppo fino al 31 marzo 2013, 676 milioni di dollari neozelandesi, ovvero 561 milioni di dollari nordamericani. Il dato è stato ottenuto scandagliando alcuni documenti finanziari registrati venerdì in Nuova Zelanda.

Continua a leggere

Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato supera il miliardo di dollari!

gandalfdolguldur

A poche settimane dall’uscita americana in home video, Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato ha battuto il traguardo del miliardo di dollari in incassi internazionali.

Il film di Peter Jackson ha totalizzato 301.1 milioni di dollari negli Stati Uniti, e altri 700 milioni nel resto del mondo. Il traguardo è stato tagliato grazie agli incassi in Cina, dove è uscito da una decina di giorni.

Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato è il 15esimo film nella storia a incassare più di un miliardo di dollari in tutto il mondo; Il Ritorno del Re, terzo episodio della trilogia del Signore degli Anelli, incassò 1.119 miliardi nel 2003.

“Non potremmo essere più fieri di aver raggiunto questo incredibile traguardo,” ha commentato il presidente della distribuzione Warner Bros. Dan Fellman. “Assieme ai nostri partner della MGM e della New Line Cinema, tutti alla Warner Bros. ci congratuliamo con Peter Jackson e l’intero cast e la troupe per l’incredibile successo di questo film”.

Il secondo episodio della trilogia dello Hobbit, La Desolazione di Smaug, uscirà a dicembre 2013. Il terzo, Andata e Ritorno, uscirà a dicembre del 2014.

 

I Fratelli Weinstein guadagneranno milioni grazie allo Hobbit: un Viaggio Inaspettato

hobbit-bag-end-01

Con Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato sulla strada del miliardo di dollari (è sopra gli 825 milioni a meno di un mese dall’uscita, e manca ancora un mercato ormai chiave come la Cina) e altri due episodi in arrivo nell’arco di un anno e mezzo, l’Hollywood Reporter fa i conti in tasca ai produttori e alle case di produzione coinvolti nel progetto miliardario (e decennale) di Peter Jackson.

La premessa: nonostante si tratti di un contratto tra i più complessi della storia di Hollywood, il quotidiano di spettacolo rivela che si tratta di una situazione “win-win” per tutte le parti coinvolte. In particolare per Bob e Harvey Weinstein, che pur non avendo partecipato alla lavorazione potrebbero raccogliere soldi a palate.

Continua a leggere

Peter Jackson e la New Line rigettano le accuse degli animalisti per Lo Hobbit

Negli ultimi due giorni si sono diffuse a macchia d’olio notizie riguardo alla gestione degli animali durante la produzione dello Hobbit.

Noi di HobbitFilm.it abbiamo deciso di aspettare che tutte le parti in causa dicessero la loro: alcune delle accuse, infatti, sembravano palesemente frutto di strumentalizzazione, e ci sembrava corretto sentire le diverse le versioni dei fatti, tenendo poi presente che solo indagini accurate potranno fare chiarezza sulla morte di alcuni cavalli, polli, capre e almeno una pecora NON sul set del film durante le riprese, ma nei luoghi dove gli animali venivano ospitati nel periodo delle riprese (in una fattoria a oltre cento miglia dal set, in Nuova Zelanda).

Noi di HobbitFilm.it non intendiamo certo difendere a spada tratta la produzione, ma troviamo assurdo che numerosi siti (incluse agenzie come l’ANSA) abbiano riportato la notizia parlando di “ecatombe sul set dello Hobbit” senza verificare (e citare) le fonti.

Andiamo con ordine. Due giorni fa alcuni mandriani hanno denunciato la morte dei suddetti animali durante le riprese dello Hobbit (parliamo di fatti avvenuti oltre un anno e mezzo fa, e portati alla luce solo ora, con la premiere del primo film alle porte), accusando la produzione di non aver verificato con cura il luogo dove tali animali venivano ospitati.

Continua a leggere

La Warner candida Lo Hobbit – Un Viaggio Inaspettato a 16 Oscar

Sono ben 16 le categorie cui la Warner Bros. intende candidare Lo Hobbit – un Viaggio Inaspettato agli Academy Awards.

Come vi abbiamo già comunicato alcune settimane fa, la major ha inserito il kolossal di Peter Jackson tra i cinque film da proporre all’Academy per gli Oscar 2013, insieme al Cavaliere Oscuro – il Ritorno, Argo, Cloud Atlas, Magic Mike. A partire dal 2 dicembre inizierà a proiettare il film ai membri dell’Academy chiedendo di prenderlo in considerazione per 16 categorie, che spaziano dalle più importanti a quelle tecniche. Ovviamente ci sono categorie in cui è improbabile che ottenga nomination (Cate Blanchett come migliore attrice non protagonista) e categorie in cui è praticamente scontato che la ottenga (migliori effetti visivi).

Ecco la lista:

Continua a leggere

Confermato: Lo Hobbit in HFR 3D anche in Italia!

Da parecchie settimane vi stiamo tenendo aggiornati sulle sale che stanno facendo l’upgrade tecnologica per poter proiettare Lo Hobbit – un Viaggio Inaspettato nel formato in cui è stato girato, ovvero in digitale 3D in alta velocità a 48 fotogrammi al secondo. Sono diversi i cinema che si stanno attrezzando (inclusi circuiti come UCI), e sappiamo che è in atto una vera e propria corsa contro il tempo per riuscire ad arrivare al 13 dicembre. Tuttavia, vi abbiamo detto da subito che ciò che non sapevamo ancora era se la Warner Bros. aveva interesse a distribuire il film in questo formato in Italia.

Ebbene, ora lo sappiamo. Più fonti ci hanno infatti confermato che la major è in contatto con i vari cinema per poter proporre il kolossal di Peter Jackson in HFR 3D, e sta lavorando alacremente affinché tali cinema assicurino la miglior proiezione possibile del film. Per ora le sale confermate sono pochissime; nei prossimi giorni aumenteranno e noi vi riporteremo l’elenco non appena sarà disponibile in via ufficiale. Nel frattempo, vi invitiamo a continuare a seguirci…

Continua a leggere

Lo Hobbit: l’uscita italiana fissata per dicembre 2012!

Qualche giorno fa vi abbiamo segnalato che l’uscita italiana dello Hobbit era stata fissata all’1 gennaio 2013, in base a una serie di comunicati dell’ufficio stampa Warner.

Abbiamo contattato la casa di distribuzione chiedendo chiarimenti in merito, e questa è stata la risposta della major: al momento, l’uscita italiana del primo dei due film di Peter Jackson è fissata per venerdì 14 dicembre 2012.

Ovviamente è possibile che nei prossimi mesi la data slitti o venga ritoccata, ma al momento possiamo sperare in un day-and-date: negli USA, infatti, uscirà mercoledì 12 dicembre!

[UPDATE] Ci risulta che il primo film si chiamerà “Lo Hobbit: un viaggio inaspettato“, ma non vi è ancora conferma definitiva, perché per ora ci si riferisce al film come a “Lo Hobbit”. Vi terremo aggiornati…

Continua a leggere

Lo Hobbit in Italia dal 1 gennaio 2013?

Lo Hobbit - i Nani

[UPDATE] – L’uscita attualmente è fissata per il 14 dicembre 2012!

Notizia precedente:

La Warner Bros. ha annunciato l’uscita del primo film dello Hobbit in Italia.

Secondo un comunicato dell’ufficio stampa che segue i film della compagnia, infatti, il primo dei due film diretti da Peter Jackson uscirà il 1 gennaio 2013 (in realtà il comunicato parlava erroneamente di 2012, il che ci fa pensare a una possibile svista in generale, quindi vi confermeremo la notizia con una update domani), ovvero due settimane dopo la release americana prevista per il 14 dicembre. Il Signore degli Anelli solitamente usciva un mese dopo: diciamo pure che questa volta ci è andata meglio!

Continua a leggere

La Warner Bros. distribuirà Lo Hobbit in tutto il Mondo!

warner bros.

Sarà la Warner Bros. a distribuire Lo Hobbit in tutto il Mondo.

Il Signore degli Anelli era stato distribuito negli Stati Uniti dalla New Line Cinema (ora assorbita dalla Warner Bros.), in Italia dalla Medusa Cinema. Lo Hobbit è una co-produzione della MGM e della New Line Cinema/Warner Bros., e dopo la bancarotta della prima ci si chiedeva a chi sarebbe andata la distribuzione del film negli Stati Uniti e nei vari paesi del mondo (in quantola “nuova” MGM si occuperà solo di produzione). Per l’Italia si era parlato della Fox, mentre per gli USA della Paramount (in quanto la Spyglass, i cui dirigenti ora dirigono la MGM, ha un rapporto molto stretto con la major).

E invece, come in realtà era prevedibile, sarà la Warner Bros. (che già ha finanziato buona parte della pre-produzione dello Hobbit in attesa che la MGM risolvesse i propri problemi finanziari, evitando ulteriori ritardi), a distribuire il film in tutto il mondo, al cinema e in home video. La MGM gestirà invece i diritti televisivi dei due film. MGM e Warner Bros. coordineranno assieme il marketing e i piani di distribuzione del film in tutto il pianeta.

Le riprese dei due film inizieranno a febbraio in Nuova Zelanda.

Fonte: ComingSoon

La Terra di Mezzo è salva: Lo Hobbit resta in Nuova Zelanda!

nuova zelanda

E’ ufficiale: la Nuova Zelanda resta la Terra di Mezzo, Lo Hobbit verrà girato nel paese come previsto sin dall’inizio.

Lo ha appena annunciato in conferenza stampa il primo ministro neozelandese John Key. I delegati della Warner Bros. (tra cui il presidente della New Line Cinema Toby Emmerich) hanno incontrato produttori e politici neozelandesi negli ultimi tre giorni per ricevere la garanzia che le riprese del film non sarebbero state funestate da azioni industriali come il recente boicottaggio messo in atto da una piccola unione che rappresenta 200 attori locali (la NZ Actors Union).

Nella conferenza stampa che si è tenuta alle 19.20 di mercoledì (ora locale, da noi erano le 8:20 del mattino), Key ha rivelato che la produzione non lascerà il paese. Continua a leggere

La Warner in Nuova Zelanda: le trattative continuano

warner executive

In breve: da lunedì a oggi, mentre i Neozelandesi si sono mobilitati in maniera festosa ma determinata in giro per la Nuova Zelanda a favore del mantenimento delle riprese dello Hobbit nel paese (qui i video), i delegati della Warner Bros sono atterrati e hanno iniziato lunghe trattative con produttori e, soprattutto, politici locali.

Il primo ministro John Key ha rivelato che gli alti dirigenti in questione sono il presidente della New Line Cinema, un senior executive della Warner Bros. e il loro consigliere legale. Il presidente della New Line è Toby Emmerich, ex presidente di produzione durante la realizzazione del Signore degli Anelli e buon amico di Key – ciò non significa, tuttavia, che le trattative saranno più facili, anzi. Continua a leggere

La Nuova Zelanda si prepara alla battaglia!

I dirigenti della Warner Bros. che si recheranno in Nuova Zelanda lunedì troveranno una accoglienza senza precedenti.

Infatti, a cercare di convincerli a trattenere le riprese nel paese non ci saranno soltanto Peter Jackson, i produttori dello Hobbit e il primo ministro John Key, ma anche tutta la popolazione, sensibilizzata a riguardo dai tecnici, dai lavoratori dell’industria cinematografica locale e dai sostenitori del film.

E così, mentre la pagina facebook “Keep the Hobbit shoot in NZ” ha quasi raggiunto i 10,000 fan in pochi giorni, ecco che si preparano manifestazioni e raduni in tutta la Nuova Zelanda per dimostrare alla Warner Bros. che il paese è il luogo migliore per girare i film, e che la Nuova Zelanda, ancora una volta, è davvero la Terra di Mezzo.

Questo video sta facendo il giro del paese – e non solo – invitando tutti gli abitanti a riversarsi in strada per mostrare il proprio supporto:

La prossima settimana sarà decisiva. Noi, come sempre, vi terremo aggiornati…