Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate in home video il 24 marzo negli USA

hobbitbattaglia banner

La Warner Bros. ha annunciato l’uscita dell’edizione CINEMATOGRAFICA dello Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate negli Stati Uniti.

Il film arriverà in Blu-Ray 3D Combo Pack, Blu-Ray Combo Pack, DVD e Digital HD il 24 marzo nel mercato americano. Non è ancora noto quando uscirà in Italia, presumibilmente qualche settimana più tardi (quindi ad aprile). Ricordiamo che in autunno, poi, arriverà l’EDIZIONE ESTESA.

Questi i contenuti speciali inclusi nell’edizione Blu-Ray 3D, Blu-Ray 2D e DVD Special Edition:

  • Reclutare le Cinque Armate
  • Completare la Terra di Mezzo
  • The Last Goodbye: dietro le quinte
  • The Last Goodbye video musicale
  • New Zealand: Casa della Terra di Mezzo, Parte 3

Questa la cover ufficiale:

 

hobbit-blu-2


260 pensieri riguardo “Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate in home video il 24 marzo negli USA”

  1. Guarda che è stato sostituito perchè a PJ non piaceva la resa di Dain in trucco, non per le sue malattie.
    Io mi approccio senza pre concetti ma se una cosa non mi piace lo faccio notare: non sono uno che si fa andare bene tutto come molti qui. Se infatti ricordi bene, prima dell’uscita del terzo film ero completamente fiducioso, ho sempre pensato che PJ sarebbe riuscito a rientrare nei binari del libro, nonostante l’infelice uscita con Tauriel.

  2. @Andrea90:
    beh potrebbe aver detto così per non calcare la mano sul fattore-malattia…comunque è tutto plausibile.
    Non ho detto che hai preconcetti, ho detto che a volte sei stato troppo puntiglioso ed al semplice”piacere” di vedersi un film non fa bene….poi ognuno si è fatto l’idea che si è fatto.
    Vedremo con la EE dunque…speriamo bene ;-)
    Ciao

  3. “ad ogni buon conto io, assolutamente senza offesa, ti ripeto che devi provare ad approcciarti al film SENZA PRECONCETTI”

    “Non ho detto che hai preconcetti, ”

    Come no ;D ;D.

    Comunque sì speriamo nell’EE cara @Eva ;), penso e son quasi sicuro avremo molto di più di DG, della battaglia e del finale. Bene o male sono quelle le 3 maggiori parti che verranno stese.

  4. Non posso che essere d’accordo con @Eva.
    A Billy Connolly é stato diagnosticato il morbo di Parkinson quando l’attore era GIA’ stato scelto per il ruolo di Dain.
    Ovviamente penso sappiate tutti che i sintomi principali di tale malattia sono la GRANDE DIFFICOLTÀ nell’eseguire movimenti precisi e il TREMORE delle mani.

    Questa sintomatologia purtroppo non si addiceva al condottiero nanico che Connolly avrebbe interpretato.
    Nonostante la terapia con la levoDOPA sia molto efficace per attenuare i sintomi, un risultato eccellente è impossibile da ottenere.

    Ecco perchè molto probabilmente è stato preferito il mocap per la resa di Dain e non l’attore in trucco.

    Inoltre è anche ABBASTANZA PALESE che l’affermazione di PJ riguardo alla resa del nano in trucco sia solo una scusante per non fare ricadere la colpa su una grave malattia, per la quale il povero Billy non può farci nulla.

    Anzi è molto ammirevole il fatto che il regista abbia comunque voluto onorare Connolly facendolo doppiare Dain e usando il suo volto per raffigurare il nano, quando invece sarebbe stato molto più semplice cambiare attore.

    A volte, invece di accusare, basterebbe un minimo di conoscenza sull’argomento e, soprattutto, un briciolo di BUON SENSO.

  5. Eh sì perchè te ovviamente conosci PJ e la sua crew, immagino.
    Sta di fatto che Connolly le scene le ha girate eccome in trucco e parrucco, e visto che PJ questi cambiamenti li ha fatti anche per Bolg e Azog, preferendo ahimè il Mo Cap al parrucco, se ricordi bene, per analogia mi vien da pensare la stessa cosa di Connolly.
    E comunque il discorso di fondo era un altro: stabilire se Connolly fosse in CGI o un attore. E’ un pupazzetto in CGI e si nota eccome.

  6. “Eh sì perchè te ovviamente conosci PJ e la sua crew, immagino.”
    Ovviamente no!
    Ma conosco molto bene cosa sia il morbo di Parkinson e cosa comporti…

    Ecco perché ti dico che è piuttosto palese che la scelta di usare il mocap abbia un significato ben più profondo che la semplice questione del trucco.

    “Connolly le scene le ha girate eccome in trucco e parrucco”
    É elementare che portare sul grande schermo la tipica RIGIDITÀ plastica parkinsoniana in un ammazzaorchi come Dain non sarebbe stata una scelta saggia!
    Allora molto presumibilmente si è deciso di passare al mocap per tale motivo (i risultati sono quello che sono, ma questo è un’altro discorso)

    Purtroppo a quanto pare questo non lo si vuole capire e si continua a dare la colpa ad altro…

  7. @Giocondo:
    SORRY FOR MY LATE REPLY:
    accidenti grazie per le delucidazioni sul parkinson (ne deduco che studi medicina…o sei già medico…e mi pare tra l’altro che lo avevo scritto a Diego una volta…mi confermi?). Allora non ci sono andata “lontana” sul “perché” fare certe “scelte” relative all’interpretazione di Connolly….ed i ricordi di mio nonno erano esatti…pur se tristi…
    Un saluto
    @Andrea90:
    no scusa non mi hai capita, LO SO CHE TI APPROCCI in maniera obbiettiva, lo hai sempre dimostrato nei commenti, come dici tu, PRIMA di vedere la BD5A…questo lo ricordo…”l’approccio senza preconcetti” era riferito alla VISIONE DEL FILM….al MOMENTO LUDICO….ok?
    Purtroppo ci si fraintende spesso, quando non si comunica “faccia a faccia”…ed io ho scritto “coi piedi”.
    Comunque NO problem;-) e credo che Giocondo abbia spiegato la questione molto bene ed in modo oggettivo.
    Un saluto anche a te

  8. …la questione spiegata bene e dal punto di vista medico che intendevo è “il parkinson e suoi effetti negativi sull’attività di attore in scene d’azione”.
    Ho idea, come ho già detto, che verrà migliorato notevolmente nella EE.
    Ciao

  9. @Giocondo:
    “che lo AVEVI scritto a Diego”
    Scusate sia tu che Andrea90 ma stasera vado di frettissima!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.