Lo Hobbit: un cambio di titolo per il terzo capitolo?

Un cambio inaspettato: il terzo capitolo della trilogia dello Hobbit firmata da Sir Peter Jackson potrebbe avere un nuovo titolo.Il film è stato annunciato come There And Back Again nel 2012, ma oggi alcuni rumour emersi dal sito di fan (di solito affidabile) TheOneRing.net sostengono che la terza parte dell’avventura di Bilbo Baggins potrebbe cambiare il proprio nome in Into The Fire.

Mentre il sito precisa che, in base alle sue fonti, la New Line ha semplicemente registrato il titolo The Hobbit – Into The Fire, magari per bloccarlo in previsione di un eventuale utilizzo alternativo, la curiosità non può non crescere. Non è certo la prima incertezza per quanto concerne il battesimo di questo terzo episodio – inizialmente si pensò di intitolarlo La Battaglia dei Cinque Eserciti, quando il dittico filmico si tramutò in trilogia.

Certo, sembra piuttosto tardi per cambiare le cose – soprattutto per i problemi legati al merchandising e per il fatto che sia gli appassionati che il pubblico in generale si riferiscono da tempo al film chiamandolo There and Back Again (in italiano, Racconto di un Ritorno). È anche possibile che la registrazione di Into The Fire, come detto, sia semplicemente volta a coprire il copyright di questo titolo, onde usarlo in futuro per un altro progetto (per esempio, un videogioco). Ancora nessuna dichiarazione ufficiale da parte di Jackson o di suoi portavoce.

la_ca_1217_the_hobbit

Fonti: TheOneRing.net, Empire


148 pensieri riguardo “Lo Hobbit: un cambio di titolo per il terzo capitolo?”

  1. @Diego ho fatto dei PRECISI esempi sui “criticoni” a cui mi riferisco quindi non dovresti sentirti chiamato in causa! :)
    In ogni caso se io considero un film da 8,5 su 10 (il mio personale giudizio su DdS) significa che NON lo ritengo PERFETTO, ma che comunque si tratta di un film curato e reso bene! Non è questione di idolatrare PJ, é questione di capire le qualitá del film senza doversi attaccare a sviste inutili o infantili come negli esempi che avevo citato (Smaug che ha 4 arti, Kili che ha poca barba, ecc)…. Quelle sono critiche nei confronti del film che personalmente ODIO e sono assolutamente futili! Ma i “criticoni arroganti e ipocriti” le usano come cavallo di battaglia ber gettare fango sul film… e fidati che questi individui che la pensano cosi non sono pochi! É questo che mi rattrista!!!

  2. Io mi chiedo: ma da dove spunta fuori questa storia Isda-vs-Hobbit? Nessuno ne stava parlando prima. Al max Gabriele Vanazzi@ aveva detto che avrebbe preferito che PJ avesse usato per lo Hobbit la stessa tecnica di Isda(cioe’ quella di trattare un fantasy come un film storico). Ad ogni modo nessuno si sta attaccando a “dettagli infantili e inutili” per criticare. Ho gia’ detto la mia nel post di risposta a Dhaulagiri@( a prop; xke’ non mi ha risposto?) su DoS; non dico altro.
    Concludo con un’osservazione: critici che si sorprendono per la presenza di Legolas xke’ non sanno dell immortalita’ elfica?!? No; non e’ la questione di aver letto Tolkien .. Ma hanno dormito durante la CdA? Quando Elrond dice:”io ero la’; 3000 anni fa” potevamo spararci tutti ..

  3. A lo Hobbit è stata data un’impronta molto più fiabesca se vogliamo anche più “finta”.. ma in fin dei conti è un enorme flashback attraverso cui entriamo nei ricordi, a quanto pare molto vividi, del nostro caro Bilbo. A me piace il lavoro in CGI, il fatto che gli scenari sembrino dei dipinti mi piace tantissimo ( sarà perché sono un pittore? o meglio ci provo e La terra di mezzo è una tale fonte d’ispirazione *-*) il tocco di Alan Lee è palpabile, ad es. quando Gandalf si addentra in bosco atro,mi fanno impazzire quelle inquadrature tra i tronchi contorti :-) Insomma non sento per niente la mancanza di un realismo estremo che non mi comunica molto neanche nella pittura. Punto di vista di un ” artista” ;-)
    Per il titolo non mi cambia molto.. e se l’ipotetico quarto film ponte uscisse solo in dvd in stile “estensione della trilogia” ?? Magari integrato con il materiale filmato non usato in Isda? Dai non ci credo che hanno distrutto tutto XD

  4. @Giocondo, mi sono sentito chiamato in causa, ed è quello che volevo contestarti, per affermazioni del tipo: “anche il termine “commercialata” per questa trilogia è sbagliato e ignorante “; oppure: “su questo non ci piove! chi ritiene il contrario o addirittura ritiene di aver potuto fare meglio lo ritengo arrogante e presuntuoso, nonchè inetto!”. Hai dato a queste affermazioni un carattere, chiamiamolo così, di “assolutezza”, di auto-evidenza universale, valida per tutti. Che, ad esempio, la trilogia de Lo Hobbit sia una commercialata o meno, nessuno, purtroppo o per fortuna, può stabilirlo, rimaniamo pur sempre nel campo delle opinioni: molti la pensano come te, molti altri no. Che i sequel o prequel siano di per sé, nella maggior parte dei casi, delle mosse commerciali, è indubbio: tutto sta nello svilupparli correttamente, nel riempirli o meno di contenuti. Poi, la futilità di alcune critiche (ma anche di molti apprezzamenti) lascia il tempo che trova, è meglio non occuparsene. Una battuta sul confronto Lo Hobbit – ISDA. Sono d’accordo con te nel dire che non si può usare il metro de ISDA per valutare Lo Hobbit; è pur vero, però, che un paragone tra le due trilogie si POSSA e si DEBBA fare, così come ha suggerito @Andrea90. Ad esempio, anch’io ritengo eccessivo e quasi snaturante l’uso della CGI ne Lo Hobbit: Erebor e Dale mi trasmettono un’atmosfera artefatta, artificiosa, quando invece scenari come il Palazzo d’Oro o Minas Tirith mi sono sembrati molto più naturali.
    @galadriel, è possibile che alcuni di coloro che hanno commentato e recensito DoS non l’abbiano nemmeno vista la CdA!

  5. Solo una persona ha fatto l’ignorante errore di non sapere che gli elfi sono immortali (mi sembra fosse in un articolo de la Repubblica), non è assolutamente un buon esempio per generalizzare i critici che hanno recensito il film! Sembra che con questo esempio si voglia insinuare che ANCHE i critici sono degli incapaci e che quindi il loro buon giudizio nei confronti del film sia fasullo…

  6. Giocondo@: mi pari un po’ troppo sbrigativo nel dare giudizi: semplicemente quella frase aveva attirato la mia attenzione e mi e’ parsa una disinformazione piuttosto grave; ma ne io ne Diego@ intendevamo dire che i critici siano ignoranti.
    Ti chiedo solo di non essere cosi frettoloso nei giudizi; perche’ magari puoi essere interpretato male; come per Diego@ sopra; o come quando; in un post di qualche tempo fa quando avevo ancora il mio vecchio nick; mi avevi detto che forse non avevo letto il Silmarillion solo perche’ giudicavo male una scena. Insomma; non un’ osservazione troppo felice; dato che sono alla 10 rilettura del Silma; e poi non ci conosciamo nemmeno.
    Quanto alle critiche; sono tutte soggettive; anche quelle dei critici cinematog; l unico che potrebbe dire qualcosa in merito e’ il Prof Tolkien; che ahime’ e’ morto da 40 anni ..

  7. @Giocondo, il mio ragionamento non vuole essere capzioso, non voglio screditare la categoria dei critici per avvalorare il mio giudizio su DoS. Quello che voglio dire è ben altro. Ti dirò di più, io comprendo e giustifico l’errore del critico in questione, e spiego anche perché. Chi ha il compito di recensire un film di solito è colui che si dedica quasi esclusivamente a questo; per capirci, è chi, all’interno di un giornale o di un altro media, gestisce lo spazio relativo al cinema, o alla cultura: si tratta dell’esperto del settore, insomma. Ora, questa persone si occupano di cinema a 360°, devono recensire una vasta gamma di film. Quindi NON pretendo affatto che conoscano le opere di Tolkien. E quindi può capitare che a recensire Lo Hobbit ci siano persone che magari di Tolkien non hanno letto nulla. Il loro giudizio sarà comunque competente, tuttavia non saranno in grado di cogliere le sfumature ed il senso (ulteriore) di alcune scelte, che invece appaiono chiari a chi, come noi, conosce la fonte tolkieniana. Il loro commento si limiterà solo al film DoS, e non riuscirà ad esplorare il collegamento con il libro Lo Hobbit: quindi non potranno esprimersi in merito al lavoro stesso di trasposizione dal libro al film. Perciò, ripeto, comprendo e giustifico anche l’errore. Ma è anche vero che questo errore è stato commesso da uno dei quotidiani più diffusi a livello nazionale; così si rischia di fare disinformazione, e questo non è certo edificante.

  8. Ecco il termine giusto, avrei fatto anche per Lo Hobbit un “fantasy storico” come per ISDA.

  9. La risposta è molto semplice: il gruppo di sceneggiatori ed il regista conoscendo molto bene e rispettando il materiale letterario, hanno si integrato e avvicinato nei toni lo Hobbit cinematografico ai film precedenti, ma non sono arrivati a renderlo appunto un “fantasy storico” rispettando lo spirito di fondo del libro “lo Hobbit” , il quale anche se ampliato con le appendici del signore degli anelli non poteva dare lo stesso risultato di questa trilogia.
    Che il risultato finale possa non piacere è un altro discorso, ma ritengo che se fosse stato fatto un altro LOTR i difetti sarebbero stati maggiori e più visibili e mi ripeto per quanto riguarda la CGI, senza di essa la risoluzione visiva usata nei nuovi film avrebbe reso tutto di “plastica”.

  10. io l’ho sapevo gia dal sito best movie che ha sua volta l’ha preso da un altro sito

  11. Per chi dice che “Lo Hobbit” è una commercialata fatto solo per guadagnarci dico : “Il signore degli anelli ” no? Non era fatto per guadagnare ? Pensate che chi l’ha prodotto lo abbia fatto perché era “filantropo” e voleva accontentare i fan di Tolkien?

  12. @Galadriel perdona ma anche se non ti conosco personalmente sono assolutamente libero di scrivere quello che penso (come lo sono tutti d’altronde)… Nel tuo commento precedente relativo al pensiero errato di UNA persona (colui che non sapeva dell’immortalità degli elfi) hai trasformato il termine “critico” (singolare) in “critici” (plurale)… Non so se il tuo fosse un semplice errore di scrittura, ma se così non fosse significa che per l’ennesima volta hai fatto lo sbaglio di generalizzare trasformando l’errore di 1 critico in quello di molti… A me è sembrato quindi che tu abbia voluto sottolineare in generale che i critici non sappiano nulla, quando l’errore è del singolo!
    Se vuoi leggere recensioni ben fatte e da gente competente leggi per esempio quelle di Andrea e Alessia su questo sito o quella uscita su La Stampa il 12 dicembre 2013…. non concentratevi sull’errore di un incompetente tanto per dare ragione al vostro pensiero…
    Comunque sei libera di fare tutte le critiche che vuoi su questo film, dalle piú sensate (es Tauriel) alle piú inutili e infantili (es Kili senza barba) ma non ti lamentare poi di chi come me ribatte alle tue opinioni e non usare la scusa che non ti conosco perchè non significa assolutamente nulla…. Ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero, purchè non ci si offenda e questo non mi sembra proprio il mio caso!

  13. @ Eva: Io avrei provato lo stesso con Horner, però è vero che serviva un compositore che fosse disposto a scrivere ore e ore di musica e in un certo senso un ”pittore di suoni”, come dici tu. Ti assicuro che parlando di qualità della musica si poteva fare meglio, poi c’era il rischio che poteva calzare meno o essere meno indirizzata sui diversi aspetti dei film, e in questo è vero che Shore è stato perfetto. Così ci veniamo incontro? :-)

  14. @ Francesco; Mamma mia Francesco, qui altro che classico, voglio pensare che tu ti sia sbagliato a scrivere, seppur sono errori reiterati, è così vero? Non sto offendendo ne criticando nessuno, anzi se riesco a fartelo notare tanto meglio per te

  15. @rubz. Nessuno, né certamente io, intende negare che ANCHE ISDA sia stato realizzato in vista di un ritorno economico. Questo però non vuol dire che sia una commercialata. Del resto, per evitare di fare una commercialata non bisogna necessariamente evitare il lucro o farlo per la filantropia: si può realizzare un’opera scadente anche in questo modo. L’unica vera discriminante per definire un prodotto una commercialata o meno sta nella qualità del prodotto stesso. Come ho già detto, i sequel / prequel sono di norma una mossa di marketing, ma il punto centrale sta nel riempirli o meno di contenuti. Un sequel è una commercialata nel momento in cui è realizzato esclusivamente per dare un seguito a un film (e quindi agli incassi), accontentando banalmente il pubblico meno esigente e senza badare troppo all’effettiva resa artistica. Quando sono andato a vedere UVI avevo il timore che potesse essere così; poi, per fortuna, sono stato piacevolmente smentito e ritengo UVI davvero un buon film. Non posso dire lo stesso per DoS. Qui si è puntato molto di più su aspetti esteriori, come le lunghe scene d’azione, gli effetti speciali, il triangolo amoroso, che su buoni spunti non ulteriormente approfonditi. Aspetti, appunto, di sapore molto “commerciale”. Per questo ritengo DoS una (quasi) commercialata.

  16. @Giocondo: @galadriel ha dimostrato di sapersi difendere da sola, quindi non c’è bisogno che lo faccia io. Ti consiglio però di non saltare subito alle conclusioni. Quando @galadriel ti dice “non mi conosci” non sta adducendo una scusa; semmai, ti sta dicendo che è poco opportuno esprimere giudizi così personali su una persona che nemmeno conosci. Per quanto riguarda le (presunte) generalizzazioni: non fermiamoci alla lettera, perché altrimenti anche tu hai generalizzato parecchio nelle tue ultime invettive. Cerchiamo di non attaccarci ai (e sui) fraintendimenti. Sul perché ho usato il plurale per “critici” ho già spiegato. Ed è per questo che continuerò ad usare il plurale. Ribadisco che non tutti i critici conoscono la fonte tolkieniana e quindi non possono comprendere e, di conseguenza, pronunciarsi riguardo quello di cui noi stiamo discutendo. Questo non significa certo sminuire la categoria. In ogni caso, non dobbiamo nemmeno fare del giudizio dei critici il verbo sacro; anche perché, se questo vale in un senso, vale anche nell’altro. Ricordiamoci l’accoglienza riservata a DoS in occasione degli Oscar. Anche lì si sono pronunciati gli addetti ai lavori, ma molti di noi non sono certo d’accordo con le loro scelte. Per quanto illustri, anche quelle dei critici restano pur sempre delle opinioni.

  17. Continuo a non capire perché il termine commerciale debba avere necessariamente una connotazione negativa e perché la warner abbia insistito con Jackson per peggiorare il film.
    Questo è sicuramente un mio limite

  18. @dhaulagiri:
    sì certamente che capisco :-)
    E’ questione di gusti…tutto qui. Siamo d’accordissimo!!!
    Ci mancherebbe che non si potesse dire “preferivo Shore…preferivo Williams…era meglio pincopallino…”
    Ciao

  19. Ragazzi ancora con questa storia del triangolo amoroso? Ma dove lo vedete?
    Esaminiamo bene bene la situazione prima di giungere a conclusioni affrettate:
    -Legolas prova “affetto” (detto da Thranduil) nei confronti di Tauriel, nulla piú! Sono vissuti assieme 600 anni, sono come fratello-sorella, vorrei ben vedere che si fosse formato un forte legame! Mi stupirei del contrario!
    -Tauriel prova PIETÁ per Kili, nient’altro! Rimane affascinata dal fatto che anche un nano come Kili abbia a casa una madre ad aspettarlo, dimostrazione questa che fra elfi e nani (da sempre in combutta tra loro) non ci siano molte differenze! Infine si limita a curarlo quando Bofur arriva con l’athletas, come avrebbe fatto qualsiasi medico che si rispetti!
    – Kili invece è l’unico che prova un’attrazione “carnale” nei confronti dell’elfa ma questo è palesemente dovuto alla sua giovane etá ed inesperienza…
    Questo è tutto ció che notiamo nel film e se qualcuno ha visto in tutto questo un “triangolo amoroso” lo invito caldamente a dimostrarmi con PROVE TANGIBILI tale ipotesi…. Io personalmente non vedo alcun triangolo amoroso, ma solo un’ennesima critica forzata nei confronti del film! Se veramente (ma ne dubito) questo si tramuta in un triangolo amoroso lo potremmo al massimo vedere nel prossimo film, ma non di certo in questo…
    Concludo con una domanda: se l’intera trilogia de lo Hobbit si fosse svolta senza neanche una figura femminile di spicco, quante critiche di maschilismo sarebbero state fatte?!?!? Rifletteteci su….

  20. ps il mio precedente commento è riferito in particolare a @Diego che ha risollevato la questione…

  21. Innanzitutto ringrazio nuovamente Diego@ per l appoggio; che ha capito perfettamente quello che intendo.
    Ora; ogni film parte dal presupposto di vendere al botteghino; ma ripeto; nessuno all epoca conosceva PJ; pochissimi dovevano aver visto “Sospesi nel tempo”; e non conoscevano nemmeno la Weta; ora pluriblasonata. Infatti; PJ ottenne di alzare la durata della proiezione a quasi 3 ore, mentre invece all epoca un film ‘commerciale’ avrebbe avuto una proiezione di circa 1 ora e mezza. Ora invece quasi tutti i film durano piu’ di 2 ore; anche quelli super commerciali; per cui… Che poi LotR abbia avuto un successo colossale non e’ un mistero per nessuno; non solo xke’ viene da un libro che e’ tra i piu letti al mondo ed e’ un capolavoro del cinema; cosa che non me la sento di dire dello Hobbit. La mia impressione e’ che la Warner punti tutto sull effetto Amacord di LotR; e da qui derivino scelte come dividere il film in 3 parti; per gli stessi identici motivi x cui e’ stata divisa in 2 quella pappardella infame di twilight.
    Giocondo@ ho usato ‘critici’ xke’ semplicemente stavo riportando la citazione. Cmq mi pare una lacuna abbastanza grave; dal momento ke bastava noleggiarsi la CdA per colmarla .. Ad ogni modo io in genere guardo le recensioni dopo aver visto il film; dopotutto ogni critica e’ soggettiva e preferisco essere io la prima critica ..

  22. @Giocondo, tra l’inserire una figura femminile e poi coinvolgerla in un triangolo amoroso ci passa una bella differenza. Se vuoi prove tangibili sull’esistenza di questo triangolo ti riporto una notizia pubblicata SU QUESTO STESSO SITO (quindi la definirei inattaccabile) in data 05/01/2014 e intitolata: “Evangeline Lilly accettò la parte di Tauriel a una sola condizione: niente triangoli amorosi!”. Ecco quello che dice l’attrice a riguardo (faccio copia e incolla):
    “Giusto per chiarire, quando sono stata scritturata la mia unica e sola condizione è stata: ‘Se volete che accetti questo lavoro giuratemi che non sarò coinvolta in un triangolo amoroso‘. Loro mi promisero che non ci sarebbe stato. E poi nel 2012 siamo tornati per i pickup – le riprese le avevamo finite nel 2011- e mi dissero: ‘Ehm, lo studio gradirebbe vedere….‘ e io ho pensato: ‘Eccoci, ci risiamo‘. Ero in un altro triangolo amoroso”.
    Vogliamo contestare anche questo? Servono altre prove? Non ditemi che il rapporto fra Legolas e Tauriel sia di semplice amicizia fraterna: Legolas è scontroso (direi ingelosito) quando vede Tauriel parlare con Kili; Tauriel si imbarazza parecchio a riguardo, e la sua risposta migliore è: “E’ abbastanza alto per essere un nano”; quando Thranduil parla con Tauriel dell’interesse di Legolas (-“Ti assicuro, Legolas mi considera solo un capitano della guardia”, -“Forse sì, una volta. Adesso non ne sono così sicuro”. Più chiaro di così!) lei non smentisce, ma si limita a dire che il re non avrebbe acconsentito; per non parlare della scena della guarigione: sono solo io ad aver visto qualcosa di più di un semplice rapporto medico-paziente??? Le espressioni degli attori parlano chiaro: serviva fosse che si attaccassero un cartello al collo con scritto “questo è un triangolo amoroso”? Non tutto in un film deve essere così esplicito; e se anche non volete ammettere che questo triangolo esista, permettetemi almeno di pensare che situazioni e comportamenti siano molto, ma molto, ma molto, ambigui. @Giocondo, ci tengo a precisare che io ho sempre argomentato sul perché non apprezzo DoS; le mie non sono critiche pretestuose, non critico tanto per divertirmi, ho molto di meglio da fare nella mia vita che passare il tempo a distruggere un film. Io non sono contrario al tema dell’amore in sé (anche se in questo caso può comunque creare molti problemi); sono perplesso e contrariato dalla motivazione. Azione, amore ed effetti speciali sono di norma gli ingredienti che il pubblico vuole vedere; perciò ritengo che il triangolo amoroso (che esista o no) sia figlio di una logica prettamente commerciale e non certo artistica.

  23. Ragazzi, siamo ancora a questa diatriba :( ?
    Io onestamente un film migliore di Peter Jackson non lo saprei fare, e nemmeno mi viene in mente nessun regista che sicuramente potrebbe farlo meglio o più indipendentemente da qualsiasi interesse economico…
    Poi in tutta onestà, lo Hobbit è un libro per bambini/pre adolescenti/adolescenti, quindi è una “favola complessa”, mentre il film è più adulto e profondo, non mi pare sia un difetto… in quanto alle battaglie che qualcuno ha detto sarebbero meno epiche nel film, beh guardiamoci prima la BD5E, la morte in diretta di Kili e Fili, di Thorin, DOl Guldhur e quant’altro… secondo me non saranno meno epica del libro, anzi vedremo quello che nel libro non si legge, perchè Bilbo era svenuto e non ne è stato testimone.

  24. @Diego Ad oggi non esiste nessun triangolo amoroso: c’è un giovane nano che (come Gimli) rimane abbagliato dalla bellezza, ma in questo caso anche dalla di un elfa, un elfa che, attraverso al giovinezza, ingenuità e spavalderia tipica di chi ha vissuto poco, prova una certa tenerezza per il nano, ma anche un motivo in più per uscire da un isolazionismo che le va stretto, ed un principe elfico che vede la sua amica del cuore, per la quale *forse* potrebbe provare qualcosa in nuce, perdere tempo dietro a qualcuno di una razza che non sopporta, e da cui e mal sopportato come tutti i suoi. Per ora siamo a questo punto, se poi la cosa diventerà un triangolo amoroso lo vedremo nel prossimo film… ma considerando che sicuro uno degli eventuali lati del triangolo morirà (secondo me moriranno in 2)… direi che non lo vedremo mai, o per mezzo minuto, che dubito possa inficiare 8 ore di trilogia, onestamente…
    Oltretutto, per me che ci sia questo triangolo amoroso (e per ora non c’è in senso stretto, l’unico infatuato è Kili) o meno, non cambia nulla.

  25. Anche la stessa Lilly ha usato il termine “triangolo amoroso” nell’ articolo riportato da Diego@.. Per cui non sono solo i fan che la recepiscono come un’ambiguita’ …Legolas che fa il geloso; lei che dice quanto Kili sia alto e belloccio; Kili che fa la ‘confessione da ubriaco’; per non parlare della battuta dei pantaloni; che forse non e’ cosi ambigua in inglese; pero’ andando a rivedere la tal scena(in inglese ovv) ho notato che lui mentre parla fa gli occhioni da Gatto con gli Stivali di Shrek; lei sgrana gli occhi e poi lui si appoggia alle sbarre con sorriso sognante … E a Lake Town lei che si volta di qui e di la’ per decidere tra Legolas e Kili … Insomma; sono tutti segnali di “storia d’amore”. Mi chiedo solo da dove sia spuntato quest’argomento

  26. @silkechan, mi dispiace, ma dire che ad oggi non esiste nessun triangolo mi sembra perlomeno opinabile. Se si tratta di un’opinione, la rispetto, ma non la condivido affatto. Ho già prodotto prove sul perché possiamo parlare di triangolo amoroso. Tra l’altro, se la stessa Evangeline Lily, se l’attrice stessa, parla di triangolo amoroso, non mi pare molto sensato affermare il contrario. Comunque, ho fatto riferimento a questo triangolo per un altro motivo. Come ha dichiarato Evangeline Lily, le scene relative a questo (vogliamo dire “presunto”?) triangolo sono state girate DOPO il termine delle riprese. Da qui nasce il mio sospetto: dopo aver diviso Lo Hobbit in 3 film, e non più in 2, si sono dovute colmare delle lacune. Personalmente ritengo che l’idea del triangolo sia stata introdotta esclusivamente per allungare il brodo e gratificare il pubblico non tolkieniano. PER QUESTO MOTIVO, contesto la scelta del triangolo, perché mi puzza molto di commerciale. Ed è per lo stesso motivo che contesto molte altre scelte in DoS. Credo che sia un sospetto più che legittimo.

  27. Ma è possibile che a quattro mesi dall’uscita di DdS devo ancora leggere discussioni su certi argomenti, fra l’altro completamente off-topic rispetto al post in questione?! E basta dai… C’è chi vede il triangolo e c’è chi non lo vede, è inutile discuterne! Tanto vedrete che ai fini della trama finale conterà ben poco!

  28. @Diego vedo che non sono il solo a pensare che il triangolo amoroso sia INESISTENTE (vedi risposta di @ Silkechan) e anche io sono benissimo in grado di cercari articoli che dimostrano l’inesistenza del triangolo! (leggi l’articolo di Meditazionitolkieniane) Le prove TANGIBILI che ti ho chiesto me le devi ricavare dal film. Se si esamina il secondo termine in “triangolo amoroso” salta all’occhio il concetto di amore… Dove lo vedi l’amore nel film? Non ci sono riferimenti all’amore nel film! L’unico è la frase “credi che avrebbe mai potuto amarmi?” pronunciata da Kili in evidente stato di delirio per la malattia! Le frasi di Thranduil sono poco indicative su tale argomento in quanto sono mere supposizioni di un padre nei confronti del figlio, nulla di più!
    Trovami nel film una minima scena che rimandi ad un triangolo amoroso (in stile Twilight per intenderci) e sono il primo a darti ragione! Ma siccome non compare neppure il tema dell’amore tra i personaggi non ha senso parlare di “triangolo amoroso”!
    Per ultima cosa ti faccio notare nella scena della guarigione che, se Bofur non avesse trovato l’Athletas, Tauriel non si sarebbe neanche fermata! Se veramente tra l’elfa e il nano ci fosse stato un minimo amore corrisposto allora lei si sarebbe fermata ANCHE SENZA CURA! Invece Tauriel se ne stava andando via senza particolari problemi ed è tornata per curare SOLO DOPO aver trovato l’Athletas, quindi per puro dovere medico!
    Come vedi non c’é in questo film alcun amore, magari potrebbe essere presente nel prossimo film, ma in questo assolutamente no!
    Poi se vuoi cercare di convincermi ancora che ci sia un triangolo amoroso in questo film sono ben felice, ma per ora le prove da te fornite non mi hanno affatto convinto…

  29. Che ci sia o meno questo triangolo amoroso (che se non erro vuol dire che c’è qualcuno nel gruppo dei 3 che ama 2 persone contemporaneamente e non sa decidersi, detto anche “due piedi in una scarpa”… qui volendo proprio vederci un amore corrisposto – ed io non lo vedo – al massimo sarebbe Kili e Tauriel si amano e a Legolas gli rode XD, e questo non è un triangolo amoroso LOL), cosa cambia ai fini della storia? Perché dovrebbe dare tanto fastidio 20 minuti totali su 3 film quando c’è tutto un mondo da vedere?
    Poi E. Lilly ha parlato di triangolo amoroso perchè voleva fare il parallelo col rapporto Jake-Kate-Sawyer in LOST, che appunto è un tringolo amoroso, ed è lontano km da Legolas-Tauriel-Kili, altrimenti dubito avrebbe usato quel termine.

  30. @Giocondo – non capisco perchè continui a distribuire epiteti del tipo: arroganti, presuntuosi, inetti, ignoranti, frustrati, a tutti coloro che non la pensano come te e che si permettono di criticare. Ho letto tutti i post e non mi pare si tratti di “puristi obsoleti”, le osservazioni erano legittime e ben motivate. Ho capito che tu potresti trovare il modo di giustificare qualunque cosa fosse rappresentata, ma accetta in modo più sereno il parere degli altri e possibilmente ammorbidisci il tuo linguaggio.
    Io ho grande stima di PJ e del suo staff , hanno fatto un grande lavoro e non finirò mai di ringraziarli, tuttavia nello Hobbit alcune cose non mi sono piaciute e a quanto pare non solo a me, sono andato a curiosare su IMDb per osservare le valutazioni di pubblico e di critica su ISDA e HOBBIT: RdR ( pubblico 8,9 critica 9,4) CdA (8,9 – 9,2) 2Torri(8,8 -8,8)
    UVI (8,1 – 5,8) DOS (8,1 -6,6). Per quanto anch’io trovi le valutazione della critica un po’ pesanti rispetto ai due primi Hobbit, la differenza è evidente.
    ciao

  31. Oltretutto oggi non trovo nessuno che mi parli male della trilogia di ISDA, ma all’epoca ho assistito a pagine e pagine di forum dove la gente si insultava a sangue mentre difendeva o offendeva il film LOL… Dai raga, lasciamo “ai posteri l’ardua sentenza” e torniamo a parlare del prossimo film, anche perchè ho letto sul FB di mediatazionitolkeniane una notizia alquanto preoccupante :(

  32. @Giocondo, cerco di risponderti, non di convincerti. 1. Che ci siano persone che la pensano come te non mi sembra una prova sufficiente, se è per questo ci sono altri che invece la pensano come me. 2. Se ci dobbiamo soffermare su articoli pro o contro, vale lo stesso discorso. Con l’unica differenza, che nell’articolo che ti ho riportato è L’ATTRICE STESSA a parlare di triangolo amoroso. Mi pare una fonte decisamente attendibile, non trovi? 3. All’interno del film i riferimenti ci sono eccome, te li ho già elencati. Se credi che debbano essere più espliciti, allora ti domando: ne ISDA Eowyn ha mai dichiarato ESPLICITAMENTE il proprio amore per Aragorn? Vorresti dirmi che non si evince dai suoi sguardi, dalle sue azioni, dai suoi comportamenti? Vorresti dirmi che se Tolkien non avesse esplicitamente scritto del suo amore, staremmo qui a discutere? Questo è quello che ho da dire. Mi rendo conto che se dovessi continuare diventerei stucchevole per chi legge. Il mio interesse però non era stabilire la realtà o meno di questo triangolo. Ho già spiegato che la mia opinione consiste nel fatto che questa scelta rappresenti semplicemente un escamotage per attrarre pubblico e che contribuisca a rendere “commerciale” DoS. @silkechan, anche per questo motivo la questione non è da sottovalutare. Se 20 minuti di questa cosa che nemmeno riusciamo a stabilire cosa sia riduce l’apparizione di Beorn a soli 5 minuti, per me le cose cambiano eccome. E cambia anche il giudizio finale che mi sento di dare a DoS e al lavoro PJ e squadra.

  33. @Il gaffiere ho giustificato i miei epiteti usandoli esclusivamente nei confronti di chi si limita a criticare a basta! Adesso non farmi passare per il cattivo della situazione solo perché ho alzato un pó la voce! Ripeto che ho utilizzato questi epiteti SOLO per chi ha usato scuse banali (es Kili senza barba o Smaug con 4 arti) per criticare il film…. Non li ho usati per nessun altro! Non farmi passare per il tiranno che insulta chiunque per caritá che qui non si finisce piú!!! ciao

  34. Giocondo@ nel mio post sopra ho scritto cosa puo’ essere recepito da uno spettatore in modo ambiguo e quindi spingerlo a usare il termine “triangolo amoroso”.
    A voler essere pignoli in realta’ certi poteri di guarigione erano appannaggio dei Signori degli Elfi; percio’ in teoria Tauriel non potrebbe nemmeno curare tale ferita .. Ma lasciamo stare.
    Silkechan@ purtroppo il triangolo; o quello che e’; si becca ben piu’ di 20 minuti di film.. La mia impressione e’ che abbia quasi finito x oscurare Bilbo. E poi non capisco il xke’ di questa ‘storia d amore’; visto ke e’ totalmente inutile ai fini della trama a (a differenza di Arwen+Aragorn; dal momento ke Aragorn doveva diventare Re x sposare Arwen..).
    Concludo dicendo ke anch io come Thorongil@ mi chiedo come si sia finiti a parlare di questa storia ..

  35. Non credo che per mettere Tauriel abbiano tolto/togilreranno altro, piuttosto abbiano aggiunto/aggiungeranno le scene di Tauriel, visto che i film dovevano essere due, non hanno tolto, semmai aggiunto.

  36. @silkechan, purtroppo non sono così d’accordo, almeno per quanto riguarda DoS. Beorn e Thrain (con la relativa sottotrama di Dol Guldur) sono personaggi troppo importanti, soprattutto per lasciare spazio alla dinamica, chiamiamola così, Kili-Legolas-Tauriel. Il problema, del resto, non è Tauriel (o Tauriel in sé): il suo personaggio, nel complesso, è stato reso bene e non contesto affatto il suo inserimento. Sarebbe stato bello magari approfondire ulteriormente il conflitto fra la sua apertura al mondo e l’isolazionismo di Thranduil. Comunque, secondo me questo triangolo ha tolto spazio eccome, tant’è che Beorn e Thrain li ritroviamo nella EE. E non mi sembra un’attenuante sufficiente. Come insegnano ISDA e UVI, di solito le EE integrano, completano, ci offrono un punto di vista ulteriore da cui interpretare gli eventi, ma certo non sono un limbo per personaggi di rilievo. Inoltre, se questo triangolo non incide così tanto sulla trama, allora perché mettercelo? O al massimo, non si poteva spostare questo nella EE?

  37. Posso fare una previsione? Tra qualche anno la trilogia de Lo Hobbit sarà amata come lo è ora quella de Il signore degli anelli… tempo al tempo! :-)

  38. E’ verissimo che Bilbo in questo film è quasi scomparso – al momento giusto fa la sua parte di deus ex machina, sistema la situazione e poi ritorna nel suo cantuccio a fare la calza. Ai miei occhi questo è il vero difetto del film: potranno fare in futuro altri cento adattamenti dello Hobbit, magari bellissimi, ma Martin Freeman ci sarà soltanto in questo, e il suo Bilbo è qualcosa che non mi stancherei mai di vedere.
    La storia d’amore (che secondo me esiste, anche se soltanto avviata) non prende molto tempo, visto che i due colombi hanno soltanto un paio di scene; ma ha due motivi strutturali abbastanza validi, mi sembra: il primo è farci consumare un numero esorbitante di fazzoletti al momento della morte di Kili, il secondo è piazzare un gruppo di personaggi nella Città del Lago – cosa che Jackson ha fatto per motivi ancora ignoti a tutti noi, ma magari validissimi.
    Dire però che è stata messa per allungare il brodo dopo che avevano deciso di fare tre film non ha molto senso secondo me: il brodo caso mai è troppo denso, perché hanno tagliato davvero parecchio nella prima parte. Sono state fatte delle scelte, che magari non ci piacciono, ma nessuna di queste scelte è nata dalla mancanza di materiale da mettere in pentola.

  39. @ildiariodimurasaki, hai fatto un’obiezione più che valida. E’ vero che la EE di DoS sarà sicuramente più corposa ed è vero che nella prima parte si è tagliato parecchio. Dal mio punto di vista, però, le scene che si collegano al triangolo sono davvero molte, perché fra queste io conto non solo le scene dove la complicità è più esplicita, ma anche quelle funzionali ad un’introduzione dell’argomento. Perciò conto parte del dialogo fra Thranduil e Tauriel, le battute fra Legolas e Tauriel, il dialogo fra Tauriel e Kili, la scena della guarigione… Così il minutaggio sale e, considerando che DoS è il film sinora più corto dell’esalogia, l’assenza di queste scene si farebbe sentire. Si potrebbe compensare allora con il materiale tagliato, è vero. Ma per come abbiamo visto DoS al cinema, questo episodio mi dà tanto la sensazione di annacquare il film. D’altronde, io non ne facevo solo una questione di accorciare od allungare il film, ho parlato di allungare il brodo E di gratificare il pubblico non-tolkieniano. Si è fatta una scelta meno originale (e coraggiosa) e molto più convenzionale. Sono d’accordo sul fatto che il materiale (potenziale) ci sia eccome; in fondo è quello che da sempre ho contestato a DoS: puntare sugli aspetti più esteriori, più superflui e dozzinali, a scapito di spunti e personaggi molto più centrali.

  40. @luinil Ti quoto appieno! Vorrei fare notare che leggendo solo i commenti dell’anno scorso “Un viaggio inaspettato” era tremendo, inferiore alla trilogia, niente azione, niente psicologia, solo CGI… Neanche un anno dopo tutti a dire quello sì che è un bel film… E’ la condanna delle opere non viste col cuore ma solo col paragone: le teste fasciate criticano, i cuori grandi vivono e si emozionano!
    Sì ci sono difetti nei film, ma io me li vivo, godo, e mi emoziono!!!

  41. Secondo me il triangolo amoroso c’è e secondo me è stato messo per fare affezionare il pubblico a questi personaggi perchè poi dovranno morire sia Kili che Tauriel.
    Devo dire che il film mi è piaciuto molto anche se l’inserimento di questo triangolo amoroso lo trovo inutile e trovo anche che DoS duri poco per il materiale che ha disposizione,mentre UVI dura troppo ed è noiosissimo (ma è comunque un bel film), ora dicono che Rdur duri meno anche di DOS.. DOS è un film che si vede che è stato montato apposta per accontentare il pubblico, ne più ne di meno, per me il film è da 9,5 però devo dire che alcune scelte secondo me sono proprio inutili, per esempio il fatto che questo film che contando il materiale che c’è doveva durare minimo 175 minuti (triangolo amoroso apparte) mentre UVI doveva durare come dura DOS,ovvero 160 minuti circa.

  42. Per curiosità, ho calcolato i minuti dedicati solo ed esclusivamento alla presenza di Legolas-Tauriel-Kili inteso come “triangolo” nel film XD
    Ragni= 25 secondi
    Perquisizione annessi e connessi= 40 secondi
    Discorsetto di Thranduil, parte realtiva a Tauriel/Leoglas= 45 secondi
    Runa e luce stellare = 3 minuti e 20 secondi
    Parte scena interrogatorio Orco che si può riferire all’argomento = 10 secondi
    Parte attacco Orchi casa Bard riferita all’argomento = 30 secondi
    Athelas= 10 secondi
    Medicina Elfica = 10 secondi

    Totale minutaggio rubato dal triangolo amoroso = 7 minuti su 2 ore a 42 minuti circa di film… direi che se hanno tralasciato altor non è stato per far posto a questo,;).

  43. quoto il diario di murasaki@ per quanto riguarda Bilbo/Freeman: e’ fantastico e mi piace moltissimo; e’ stato deludente per me vederlo messo in disparte in DoS; trovo che fosse la cosa migliore di UVI.
    A prop di UVI: devo dire che nel complesso mi era piaciuto; nonostante non gli perdonassi certe cadute di stile..
    Per quanto riguarda Kili/Tauriel: ok; e’ probabile che ce l’abbiano messa per rendere ancora piu drammatica la Bd5E; ma mi chiedo: era necessaria? In fin dei conti; pensiamo a Boromir in CdA: non e’ esattamente un mostro di simpatia; pero’ quando muore dopo aver detto ad Aragorn “mio capitano; mio fratello; mio re” chi non si e’ commosso? E tutto questo SENZA una chissa’ quale storia d’amore con la compagna di banco di Arwen; o qualcosa del genere ..

  44. @galadriel alcarelen magari hai ragione, poteva non esserci, ma cmq non capisco perchè diano tanto fastidio quei 7 minuti in cui si parla di loro: davvero non pososno essere colpevoli di togliere nulla a Bilbo, Beorn o altro.
    Sono inutili, va bene, ma non essendo dannosi, perchè creano tanto malcontento?

  45. Allora: prima di dire la mia voglio mettere in chiaro che non voglio che nessuno si senta scocciato ma che la mia e’ semplicemente un’opinione personale; incrementata dal fatto che parecchi sembrano condividerla; non solo su questo sito ma anche da altre parti ..
    Silkechan@: ok; saranno anche 7 minuti; ma quelli dedicati a Bilbo quanti sono? Ho come l’impressione che il nostro scasshobbit e la sua astuzia siano stati relegati sullo sfondo …
    Kili/Tauriel puo’ dare fastidio perche’; ammettiamolo; non e’ eccellente a livello di scrittura; al contrario della sublime trattazione dell amore nell epica tolkieniana( vedasi Silmarillion etc etc). Insomma; certe cose sono piuttosto risibili; tipo Legolas che fa il geloso; l inquadratura a Lake Town dove lei si volta qua e la’ per decidere tra Legolas e Kili .. Senza poi contare la battuta sui pantaloni; che lasciando perdere ambigua si/ambigua no in inglese; ho notato che mentre parla lui fa gli occhioni da Gatto con gli Stivali di Shrek e poi si appoggia alle sbarre con un sorriso sotto i baffi ..

  46. Io non ragionerei in minuti, Bilbo è il protagonista eccome; chi salva i nani dai ragni? chi fa scappare la compagnia dalle prigioni di thranduil? Chi trova il modo di entrare nella montagna? Non è questione di quanto tempo è presente in video ma di quale incisività hanno le sue azioni sullo sviluppo della storia. Ah e la sua “ossessione” crescente x l’anello emerge più volte.. non ricordo più chi diceva che non era un tema abbastanza approfondito…

  47. Non c’è nessuna ossessione crescente per l’anello, ci sono due scene all’inizio del film dove l’anello sembra avere una bella presa su di lui, poi la questione viene completamente abbandonata. Fra l’altro QUI trovo che la sceneggiatura sia sbagliata: se c’è stata questa presa così forte sin dall’inizio, come mai lascia l’anello al suo amato nipote? La cosa si spiega solo tenendo conto che la morsa dell’anello si è stretta in modo gradualissimo e impercettibile nel corso degli anni, tanto che fino alla fine lui pensa che l’anello possa essere un problema (per “fine” intendo quando lascia l’anello a Frodo).
    Stesso discorso per il resto: Bilbo c’è nei momenti culminanti, fa il suo lavoro, risolve il problema e si rimette buono e tranquillo in un angolo. Nel corso del film parla solo con Gandalf e con Thorin (poco) e fa una domanda a Beorn. E parla con Smaug, sì.

  48. @ Ildiariodimurasaki ossessione crescente non significa necessariamente presente in tutto il film, basta vedere ciò che avviene in una singola scena dopo l’uccisione di quella strana creatura per capire ciò che intendevo ;-)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.