Lo Hobbit: la Desolazione di Smaug: la sinossi e la durata del film!

smaug

Sono parecchie le notizie sullo Hobbit uscite in questi giorni, quindi andiamo con ordine e iniziamo da un rumour pubblicato su TheOneRing.net che riguarda la durata complessiva della Desolazione di Smaug.

Secondo le fonti citate dal sito, il film dovrebbe durare complessivamente 156 minuti, inclusi una decina di minuti di titoli di coda. Questo significa che il film in sè dovrebbe durare circa due ore e mezza, ovvero 13 minuti meno di Un Viaggio Inaspettato e 24 minuti meno delle Due Torri. L’anno scorso in molti si chiesero come avrebbe fatto Peter Jackson a “spalmare” su tre film la storia dello Hobbit (pur arricchita dalle appendici del Signore degli Anelli), e la risposta è: non aspettatevi film da tre ore, almeno non nelle versioni cinematografiche.

Intanto la Warner Bros. ha diffuso la sinossi ufficiale del film, che pubblichiamo qui sotto nella nostra traduzione:

I tre film raccontano una storia ambientata nella Terra di Mezzo 60 anni prima del Signore degli Anelli, che Peter Jackson e il suo team cinematografico hanno portato sul grande schermo nella trilogia cinematografica che si è conclusa con il film vincitore dell’Oscar “Il Signore degli Anelli: il Ritorno del Re”.

“Lo Hobbit: la Desolazione di Smaug” continua l’avventura del protagonista Bilbo Baggins, in viaggio con lo stregone Gandalf e tredici nani, guidati da Thorin Scudodiquercia, intenzionati a reclamare la Montagna Solitaria e il regno perduto di Erebor.

Sopravvissuti all’inizio del loro viaggio inaspettato, la Compagnia continua a est, incontrando sulla strada il muta-pelle Beorn e uno sciame di ragni giganti nel minaccioso Bosco Atro. Dopo essere sfuggiti dalla prigione dei pericolosi Elfi Silvani, i nani si avventurano verso Pontelagolungo e, finalmente, sulla Montagna Solitaria, dove devono affrontare il pericolo più grande di tutti – una creatura più terrificante di qualunque altra, una che metterà alla prova non solo il loro coraggio ma anche i limiti dell’amicizia che li lega e l’assennatezza del viaggio stesso – il Drago Smaug.

Segue poi la lista del cast, dalla quale sono assenti Cate Blanchett, Christopher Lee e Hugo Weaving, il che lascia immaginare che se rivedremo il Bianco Consiglio sarà probabilmente attraverso brevi flashback. Possiamo quindi speculare che la decisione di attaccare Dol Guldur verrà presa nel terzo film, mentre nel secondo Gandalf si occuperà principalmente di indagare a riguardo.

Nella lista manca anche Stephen Fry, ma dovrebbe trattarsi di una svista.

Cosa ne pensate?


27 pensieri riguardo “Lo Hobbit: la Desolazione di Smaug: la sinossi e la durata del film!”

  1. Ne pensiamo che non vediamo l’ora di vederlo!!!!!!!!
    Il trailer#2 italiano? a quando?

  2. Grazie, come sempre molto precisi e puntuali!!!
    NON VEDO L’ORAAA!!!

  3. Non so quanto attendibile sia la sinossi, visto che manca anche Conan Stevens, che interpreta Bolg.

  4. @Andrea90:
    ripeto CHE OCCHIO!!!!E’ vero, che è successo, perché l’hanno photoshoppato???

  5. Citandomi dall’articolo precedente

    “Improponibile. TDoS dovrebbe essere la parte cronologicamente più capiente della vicenda della Cerca e soltanto tagliando su paesaggi ed episodi di transizione, comunque necessari e rifiatanti, si potrebbe arrivare ad un simile minutaggio.

    Soprattutto perché Gandalf si stacca dalla Compagnia e lo seguiremo separatamente. Faccio fatica a pensare che il film sia sotto le 3 ore, per la verità, ma se avesse una decina di minuti in più rispetto a quanto riporta la news (credits esclusi) sarei anche disposto a considerarlo. Così no, è inverosimile.

    Comunque, a dirla tutta, TheOneRing ci provò anche l’anno scorso a dare un’idea del tempo e delle scene di UEJ e sbagliò su tutta linea (proprio perché, probabilmente, usava incondizionatamente ogni indiscrezione come fonte): io, tu (sei Carlo, giusto?), Andrea90, mi sembra anche Pierluigi e forse qualcun altro, sulla pagina FB, una settimana prima avevamo fatto la medesima operazione sbagliando di pochi minuti e incespicando solo sulla collocazione di Radagast. Viste le premesse, ci conviene aspettare la Colonna Sonora e poi dire la nostra definitiva.

    Io rimango per ora sulla mia scaletta (già postata diverse volte) con limite minimo 165 minuti e massimo 195 , titoli di coda esclusi. Pur avendola fatta, con note e domande ancora vostre, il 25 marzo, appena dopo le scene in esclusiva: i trailer hanno dato solo conferme.”

    L’assenza del Consiglio la si può spiegare semplicemente in senso conservativo, per lasciare ai non-lettori-e-comunque-appassionati la sorpresa. Il fatto è semplice: Gandalf non può essere contemporaneamente a Dol Guldur e presso Erebor a meno che non si muova a volo d’Aquila. Gli serve almeno una settimana per cavalcare lungo i margini orientali del Bosco Tetro fino alla Valle e arrivare per tempo a elogiare il coraggio di Bilbo in merito all’Arkengemma.

    [fonte: Calcolo degli Anni; FotR – Il Consiglio di Elrond : con Ombromanto ha impiegato 5 giorni per arrivare a Sarnoguado dall’Isen, più o meno la stessa distanza ma senza Ombromanto]

    La battaglia di Dol Guldur può essere situata nel 3° film, ma è impensabile non averne in TDoS i preamboli. Non ha senso cronotattico e sappiamo che Jackson, pur di conservare la cronotassi ne Il Signore degli Anelli, ha distribuito (giustamente) nella trasposizione, parte del 3° (Rohan) e del 4° libro (Sam e Frodo verso Mordor) a cavallo del 5° libro (verso il Pelennor). La Tana di Shelob che finisce ad un terzo del film è tutta in T2T nei libri.

    Ripeto, impensabile. L’ipotesi hyeratica (Aquilina) è abbastanza ingenua. In questo modo Gandalf saprebbe già perfettamente di aver supporto dai cieli. Sarebbe anche un risvolto interessante da svelare dopo la Battaglia dei 5 Eserciti, ma troppo leggero nel suo abuso.

  6. @Andrea90

    Non so perché non ci sia più il globo, ma non era un palantìr: molto più facilmente era un Silmaril nelle mani di Thingol. Se scorri di 1/2 articoli, vedi il commento dove lo spiegavo.

  7. In effetti con il Bianco Consiglio ci sarebbe stata troppa carne al fuoco! Ora capisco la suddivisione in 3 film!

  8. Sì scusami @Gabriele avevo letto l’articolo ed ho scritto in fretta, la questione era del perchè l’avessero tolto, mi pare strano, magari poi è anche una cosa di poco conto però se lo fosse stato non vedo del perchè l’abbiano fatto.

  9. Comunque riguardo la durata, dagli spoiler usciti qualche mese fa sembrava proprio che la battaglia di DG avvenisse nel secondo, e le immagini del Full Trailer sembrano proprio confermare questa tesi. Magari non la conclusione, ma almeno l’inizio e la preparazione di sicuro dovrebbero esserci.

  10. Spero che la durata non sia esatta: avere due battaglie importanti nel terzo è troppo…. Credo proprio che Dol Guldur sarà nel secondo ma questo obbliga ad allungare il film (3 ore circa)

  11. ma infatti secondo me è impossibile che la battaglia di Dol Guldur non ci sia.. smentirebbe il trailer, e poi i sembrava da interivste dei mesi scorsi , che la lunghezza dei film sarebbe cresciuta gradualmente, o sbaglio?

  12. Ma scusate ragazzi, come può durare così poco LDdS quando lo stesso PJ lo scorso anno affermò che UVI sarebbe stata la pellicola più breve dedicata alla Terra dei Mezzo?!
    Concordo con Gabriele che la durata non possa essere inferiore a 160-170 minuti esclusi titoli di coda.

  13. @Gabriele Marconi

    Non trovo la tua spiegazione.. : ( … sono curioso… come mai citi Thingol? Non vi state riferendo a Dol Guldur che con gli elfi non ha connessioni, almeno apparenti, dato che solo in un passo dei Racconti si cita che Oropher padre di Thrainduil aveva il suo Reame a Sud di Bosco Atro, Spostatosi poi a Nord. Su wikipedia si fa riferimento ad Amon Lanc divenuto Dol Guldur come regno di Oropher ma nn trovo traccia in Tolkien di tale notizia. Forse è nelle History che non ho?

  14. La durata mi lascia un po’ perplesso, nemmeno io la reputo attendibile.. Invece per quanto riguarda Stephen Fry è ovvio che sia una svista, è anche comparso durante la preview di Marzo!

  15. @Gabriele

    Ah, molto bello. Potresti sciogliermi gli acronimi che usi per le fonti:

    UToN&ME =
    PoME vol XII della HoME (Immagino sia History of Middle Earth).

    A questo punto immagino che tu abbia le letto le History. Domandone: visto che Racconti Perduti e Ritrovati, Inconmpiuti, e in parte anche il Silmarillion sono pubblicazioni del work in progress di Tolkien fatte dal figlio e dato che per Tolkien le storie della terra di mezzo sono “vere storie”, vanno tenute in considerazione anche le History per la storia della terra di mezzo oppure sono cose che sarebbero potute accadere ma Tolkien non ha voluto che accadessero? Che ne pensi?

  16. UToN&ME è “Unfinished Tales of Nùmenor and Middle-Earth”, editi in Italia come Racconti Incompiuti (Bompiani), ma presenti solo in stralci rivisitati nei volumi della HoME e non per intero.

    A Christopher gli “Unifinished” furono molto utili per capire se avrebbe avuto senso costruire con sforzo immenso un’opera omnia narrativa ma analitica e testò l’interesse con i retroscena de Il Signore degli Anelli (Storia dia Galadriel, di Nùmenor, di Isildur dei Rohirrim, della Cerca di Erebor, dei Nazgùl, degli Istari …) e per vedere se, in forma analitica, anche le Grandi Storie de Il Silmarillion (Tuor e Tùrin) avrebbero ottenuto il coinvolgimento dei lettori. Rilevato questo, diede il via alla raccolta della HoME.

    PoME è il Volume XII (Peoples of Middle-Earth). Il volume più variegato, in cui le parti narrative sono in minoranza, quasi un’ “etnopoiesi”.

    Da uno studio approfondito del materiale raccolto nella HoME è “impossibile” (attenzione alle virgolette) capire quale sarebbe stato l’esito definitivo de Il Silmarillion. E’ però sicuro che Il Silmarillion pubblicato è corretto non oltre i 2/3 del materiale, perché il terzo rimanente consta di materiale totalmente abbandonato. La maggior parte del corpo errato riguarda gli avvenimenti dopo i 3 Racconti principali inclusi (Beren e Luthìen, I Figli di Hùrin e Tuor e la Caduta di Gondolin, quest’ultimo molto problematico), ma errori notevoli sono disseminati in tutto il libro.

    La ricostruzione è “impossibile” ma fattibile entro criteri di coincidenza e consistenza narrativa interna. Secondo questi criteri, Christopher ha dato alla luce la seconda delle 3 Grandi Storie (i Figli di Hùrin) dopo quasi 10 anni di lavoro ininterrotto anche se spartito con altro: nei prossimi anni potremmo aspettarci le altre due. Capisci che la ricostruzione de Il Silmarillion non è ostica solo perché Christopher la fece con relativa fretta, ma specialmente per motivi strutturali.

    L’unico tentativo al di fuori di quelli ufficiali è il volume di Kane, nonché il primo edito. Si tratta comunque di un’opera analitica, ma si propone di trovare lo sviluppo narrativo che Tolkien premeditava di dare in via definitiva e che non poté dare. Pur con molte criticità, il saggio è secondo Claudio Angeli Testi (e sottoscrivo quasi totalmente) è un pilastro fondamentale degli studi mitopoietici su Tolkien di sempre.
    http://www.jrrtolkien.it/2013/08/18/arda-reconstructed-cosifu-pubblicato-il-silmarillion/

  17. @Gabriele

    Grazie infinite! Bellissima spiegazione e soprattutto grazie per la dritta sul libro di Kane che a questo punto devo leggere assolutamente…mi sa che è ora che io acquisti anche tutta la History….

    Ciao e hannon le (spero di aver detto bene)

  18. Se Bolg non è tra gli attori del cast è, con ogni probabilità, perchè non lo vedremo. Forse non lo vedremo mai. Forse sarà nel terzo film, o forse faceva parte di quel piano di produzione che è stato accuratamente macellato nell’ottica generale del film. Era nel bagaglio di promozione di “Un viaggio inaspettato” e poi misteriosamente al cinema ci siamo ritrovati un orco bianco. Sinceramente non me lo spiego un granchè. Se avremo mai sue notizie, sarà molto avanti nel tempo. Ma non sono nemmeno certo che quel barbuto sia Bolg in persona.
    Per quanto riguarda il Bianco Consiglio: credo di essere stato piuttosto certo che il concetto di “attacco del bianco consiglio a Dol Guldur” non si sarebbe espresso cinematograficamente in un duello di magia degli stregoni e di Galadriel contro il Negromante, né in un ruolo attivo di quelli come combattenti. Faccio meno fatica a pensare ad una sorta di flashback, o di una scena meno “di battaglia”, e comunque apprendiamo ora che sarà nel terzo. Se non è nel cast non è nel cast. Comunque questa ridicola (per me) suddivisione in tre film inizia davvero a scricchiolare.

  19. Ma hai letto gli articoli almeno? Bolg ci sarà perchè è stato detto chiaramente da Peter Jackson in un intervista. Mi ripeto per l’ennesima volta: il rapporto padre-figlio sarà al centro della Desolazione, Thrain-Thorin, Thranduil-Legolas e Azog-Bolg. Non vedo perchè criticare la divisione in 3 del film quando non si ha ancora visto la trilogia completa e soprattutto non si è documentati.

  20. Eh perchè criticare è un diritto della democrazia fondamentalmente

  21. Criticare senza le dovute conoscenze lascia il tempo che trova.

  22. no! noo!! nooo!!!. NOOOOO! ..NOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!! meno della durata di UVI???
    Vi prego, ditemi che è un cattivissimo scherzo. Vi prego!!!

    DAVVERO mooooooooooooooooooolto triste questa novità.. adesso mi cresce ancora di più la paura, per questa desolazione.

    Che possa rivelarsi effettivamente un ripetersi della storia dei FAMIGERATI prequels di STAR WARS? :(((((((((((((((((

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.