Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato, l’edizione estesa dal 13 novembre in Italia!

extended banner

La divisione italiana della Warner Home Video ha annunciato ufficialmente l’uscita dell’edizione estesa dello Hobbit: un Viaggio Inaspettato, prevista per il 13 novembre, ovvero pochi giorni dopo l’uscita americana.

La lista completa dei contenuti speciali da noi tradotta è disponibile in questo articolo, mentre in questa pagina trovate una delle scene tagliate.

Qui sotto trovate il comunicato stampa ufficiale:


WARNER HOME VIDEO

PRESENTA

LO HOBBIT: UN VIAGGIO INASPETTATO EXTENDED EDITION

UNA PRODUZIONE NEW LINE CINEMA E METRO-GOLDWYN-MAYER PICTURES, ARRIVA IN BLU-RAY 3DTM, BLU-RAY™E DVD IL 13 NOVEMBRE GRAZIE A

WARNER BROS. HOME ENTERTAINMENT

Include 13 minuti di scene inedite e circa nove ore di nuovi contenuti speciali!

 

Milano, 31 luglio 2013 – In arrivo per tutti i fan della Terra di Mezzo l’opportunità di vivere una più ampia e incredibile esperienza con Lo Hobbit – Un Viaggio Inaspettato Extended Edition, in uscita in Blu-ray 3D, Blu-ray e DVD il 13 Novembre grazie a Warner Bros. Home Entertainment. Questa nuova versione dell’epica avventura fantasy, diretta dal regista premio Oscar® Peter Jackson, include 13 minuti di girato inediti che estendono le scene individuali rendendola l’edizione definitiva e imperdibile per ogni fan che si rispetti. Tutte le versioni di questa Extended Editionincludono circa 9 ore di contenuti speciali mai visti prima e verranno rilasciate giusto a ridosso dell’uscita nei cinema del secondo film della trilogia, Lo Hobbit: La Desolazione di Smaug, prevista per il 12 dicembre.

Sono entusiasta del fatto che la Extended Edition darà la possibilità ai fan di godere di alcune scene chiave del film così come sono state originariamente girate oltre che di una grande varietà di contenuti speciali.” Ha dichiarato Peter Jackson. “È emozionante presentare questa edizione estesa e arricchita di ‘Un Viaggio Inaspettato’ che permetterà di immergersi completamente nel film subito prima di vedere il secondo capitolo della trilogia.” 

Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato Extended Edition sarà disponibile in edizione Blu-ray 3D da 5 dischi, che include la versione Blu-ray 3D e Blu-ray, in edizione 3 dischi Blu-ray e in edizione 5 dischi DVD. Tutte le edizioni includono una nuova e migliorata Copia Digitale che permette ai consumatori di scaricare e riprodurre la versione in definizione standard del film sui computer e sui dispositivi portatili compatibili.

Le 9 ore di nuovi contenuti speciali includono il commento del regista, produttore e sceneggiatore Peter Jackson e della coproduttrice e sceneggiatrice Philippa Boyens e “The Appendices”, un documentario in più parti che focalizza molti aspetti del film e della trilogia.

Il primo film della trilogia, adattamento sullo schermo dell’immortale capolavoro letterario Lo Hobbit,Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato è stato nominato a 3 premi Oscar®.

CONTENUTI SPECIALI INEDITI DEL BLU-RAY 3D, BLU-RAY E DVD:

  • Commento del regista, produttore e sceneggiatore Peter Jackson, e di Philippa Boyens, coproduttrice e sceneggiatrice.
  • The Appendices– Una documentario cronologico in più parti sulla storia delle riprese di Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato, a partire dalla fase di pre-produzione nei vari dipartimenti nei mesi precedenti l’inizio delle riprese, passando per la costruzione del boot camp per il cast principale, il lavoro fatto sul set nei tre blocchi di riprese e il mondo degli effetti speciali.

  • Nuova Zelanda: Casa della Terra di Mezzo.

 


78 pensieri riguardo “Lo Hobbit: un Viaggio Inaspettato, l’edizione estesa dal 13 novembre in Italia!”

  1. dove l’hai vista? forse una panoramica, la scena delle High Fells fa indubbiamente parte de la DdS.

  2. @Giuliano

    secondo me la scena con Gandalf e il piccolo Bilbo sarà presente nell’edizione estesa, o almeno lo spero. a darmi un po’ di speranza è stato il libro delle “cronache dal set” che descrive la sequenza e mostra tutti i dettagli della costruzione del set, personaggi compresi, con Belladonna e il piccolo Bilbo. Spero anche ci sia la sequenza che viene mostrata nel secondo trailer di “un viaggio inaspettato”, quella in si vede Bifur che ripara un giocattolo e Bilbo molto spaventato, oltre a piu riprese di Dale. Speriamooo!!

  3. Ragazzi ma la lingua Orchica utilizzata nel film dagli Orchi di Monte Gundabad è presente in qualche scritto di Tolkien? E Thorin e compagnia riescono a capirla? Sembra di si dal film.

  4. Il Linguaggio Nero (originale Black Speech) è una lingua con pochissimo materiale negli scritti editi di Tolkien e costituisce (nella storia interna alle opere) la prima formalizzazione linguistica che gli Orchi abbiano usato. La paternità di tale linguaggio è di Sauron, che l’avrebbe elaborata come lingua ufficiale per tutti i suoi servitori durante gli Anni Oscuri (S.E., dal 1693).

    Prima di allora, gli Orchi parlavano senza alcun ordine, spesso storpiando in piccoli nuclei o tribù i termini che appartenevano ai linguaggi degli altri popoli. Il risultato era una tremenda gamma di dialetti brutali che rendevano altamente inefficiente ogni forma d’organizzazione (esercito incluso) di Morgoth.

    Tolkien evitò di dare una chiara connotazione e dei dialetti e del Linguaggio Nero perché la sua convinzione più profonda da ricercatore era che la filologia non poteva che nascere dall’amore per le parole. Dunque, non aveva senso un impianto strutturato né dell’uno né degli altri. Un ammiratore inviò come regalo a Tolkien un calice con iscritta la sentenza dell’Anello ed egli, per tutta risposta, non vi bevve mai ma lo usò come portacenere (Lettera 422).

    Non mi lancio in una ricostruzione linguistica sia perché credo anch’io che non abbia senso proseguire le indicazioni di Tolkien, sia perché non ne sarei in grado. Nonostante questa lampante evidenza, linguisti come David Salò si gettano in pindariche speculazioni come quelle che potete vedere sul suo sito ( midgardsmal , cercatelo, non posso mettere più di due link in un solo commento).
    E’ sempre lui a coniare i dialoghi dei film:
    http://www.elendilion.pl/2013/01/06/g-i-p-report-hobbits-quenya-orkish-and-khuzdl/

  5. Io volevo ritornare al solito discorso che faccio sempre quando devo parlare di questo Film,dovevano mettere subito tutte e due le versioni in unica confezione!! Come fanno gia’ tanti da anni. Un anno quasi x aspettare la versione estesa, e poi solo 13 minuti, be potevano benissimo metterli gia al Cinema,ma ovviamente non basta che hanno gia fatto dei bei soldoni devono spremere ancora di piu’. Ultima cosa poco rilevante pero’ mi ha lasciato da pensare, le confezioni non sono cosi curate come le Extended in DVD del Signore Degli Anelli e anche nella Gift la statuina non è curata, se guradate bene Bilbo non ci assomiglia x niente e poi io che ho comprato tutte e tre le Gift del Signore Degli Anelli oltre alle statue cera anche un Bonus DVD solo x la Gift nelle due torri cera il Bonus di Gollum nel ritorno del re cera il concerto integrale di Shore. Capisco che le edizioni devono un po assomigliare al nuovo cofanettone del Signore Degli Anelli in Blu-Ray pero’ x la Gift almeno x quello che costa potevano avere piu curatezza. E ne ho viste negli Anni cose da collezione di tutti i svariti tipi e alquni le ho comprate e devo dire che queste sono pessime,ovviamente comprero solo il Blu-Ray e solo le versioni Extended xche il Film anche se è stravolto rispetto al libro mi è piaciuto,pero’mi fa storcere il naso lo stesso!

  6. “Il film è stato stravolto rispetto il libro”..Puoi dirmi dove per cortesia a parte il ritorno di Azog che moriva prima?

  7. @Andrea90 basta vedere uno dei primi link che ho copiato sopra. Tu che dici che sia ?

  8. @Gollum:
    caspita è davvero bella!!!!!Hai ragione da vendere!!!!

  9. PENSIERINO DELLA SERA:
    ma…non è che il discorso è più semplice, tipo: in america i cofanetti sono così, in francia in cofanetti saranno cosà, in giappone cosù, in italia cosò…cioè OGNI paese ha il suo “tipo”??? Così si “taglierebbe la testa ad Azog” definitivamente, anche perché, se ben ricordo, i cofanetti tra paese e paese, soprattutto tra USA ed ITALIA son sempre differenti (ho davanti a me il cofanetto di Alien americano e quello italiano…stessa celebrazione diverso “abito”). Meditiamo!!!
    Buona notte a tutti elfi e trolli

  10. Ragazzi..io non mi fascerei la testa prima ancora che sia rotta!! Quante volte escono notizie che poi si rivelano infondate o non complete!!Se ricordate nelle versioni estese erano presenti le “scene inedite”,mai viste al cinema e le “scene allungate”…detto questo spero che gli effettivi minuti inediti siano circa 30…divisi in 13 di scene completamente inedite e la differenze in scene allungate…

  11. Intanto cominciamo con Galladriel che nel libro non cera e neanche Saruman e poi un errore clamoro gli Orchi che girano di Giorno ma dove,e questo è solo il primo capitolo perche come ha gia fatto vedere Peter il secondo e il terzo sara’ ancora piu’ stravolto. Si è pure inventato un personaggio che Tolkien non ha nemmeno immaginato,be Andrea dovresti rileggerlo. questo sara’ il mio ultimo commento perche non ne vale la pena.

  12. @Lorenzo potresti avere ragione,anche se penso sia comunque improbabile come idea….

  13. Comunque Off-Topic: anche King Kong era stato girato in digitale come Lo Hobbit no? Si vede che le immagini e l’animazione sono simili, anche se ne Lo Hobbit sono molto più definite.

  14. …forse ho le traveggole..in effetti è tardino, ma fa caldo e cosa c’è di meglio che guardarsi Lo Hobbit davanti al ventilatore??? Dunque, durante la scena nella quale arriva a casa Baggins Balin egli entra rivolgendosi a Dwalin, il quale è impeganto nel tirar fuori biscotti da una caraffa, posta sopra al camino…Ebbene, ho notato “meglio” i 2 ritratti sopra al camino, dovrebbero essere i genitori di Bilbo….sbaglio o papà Bungo Baggins somiglia tanto a Sean Astin?? Non è che , nelle scene aggiunte, quando Gandalf incontra Bilbo bambino insieme a Belladonna Tuc, rivedremo pure Bungo/Sam/Sean Astin??
    Guardate voi stessi questa foto…..
    http://middle-earthencyclopedia.weebly.com/uploads/3/8/2/9/3829140/2506826.png?220

    …e ditemi se ho le traveggole davvero!!!! Ma se non è così è un mistero e sarebbe pure una bella sorpresa nella extended!
    Buona notte a tutti, elfi e trolli

  15. Io mi sbilancerei su traveggole!!! ;)
    Staremo a vedere…

  16. Off-Topic: ma anche in ISDA hanno utilizzato i green screen?

  17. @ Andrea90: No … credo fossero dei Blu-screen se non sbaglio !!! :)

    @ Tutti: altro dettaglio tecnico oltre a Covers & Menù … ma si sa percaso il Label dei dischi estesi percaso come sarà ??? :\
    Spero che Non sia sempre in bianco e nero come il desgin della cinematografica … ma che invece sia con i soliti magnfici disegni di Alan&John come quelli sui dischi del ISDA (ed inoltre presenti anche sui dischi della versione estesa Giapponese dello Hobbit, cui ha dato il link sul sito francese sopra Gollum)

  18. Giuliano mi sono informato, hanno utilizzato dei Green Screen. Per scenografie come il Fosso di Helm e Minas Tirith hanno utilizzato modellini alti 90 cm (credo anche per Gran Burrone ma non son sicuro al 100 per 100), e poi con la computer grafica hanno “inserito” i combattimenti che venivano svolti nei set (dotati di green screen) dagli attori. Quindi l’unica differenza sta nel fatto che per Lo Hobbit si sono sempre utilizzati Green Screen, mentre in ISDA anche modellini in scala. L’illuminazione è diversa, girare in digitale porta il film ad una definizione di alto livello ma toglie qualcosa a livello di realismo, sembra così anche negli altri film “contemporanei”.

  19. @ Andrea90: si infatti … a parte il fatto che potevano riservirsi ed utilizzare di nuovo i modellini (lo steso per gran burrone, poi Erebor, Dol Guldur, ecc…) ma “io dico” non avrebbero potuto ritirare fuori dalla “cantina” le care vecchie maestose camere in Pellicola di 10 anni fa (come il vario lavoro in definizione di montaggio e vari programmi di post-produzione) così da riavere, seguendo ovviamente sempre la stessa linea narrativa degli eventi, la stessa Opera d’Arte Assoluta analoga al ISDA nell’aspetto visivo realistico e naturale ??? Invece di avere ora una caricatura a mò di videogioco dettagliatissima e coloratissima che toglie tutta quella Profondità ed Intensità cui erano conferite ???
    Vbb … non voglio rientrare in vecchie argomentazioni … a parte ovviamente la favolosa narrazzione dello Hobbit, spero che almeno nei prox 2 capitoli ci sia molta sceneggiatura e drammaticità (cosa che “in Un Viaggio Inaspettato” ho visto solo a tratti) perchè si dobbiamo andare a toccare il delicato “tasto” aspetto Grafico visivo, con tutta questa tecnologia (per quanto riguarda almeno il mio parere) ce lo siamo proprio “giocato e perso a Carte” … vbb Stop Digressione !!! :)

  20. @Giuliano non sono d’accordo sul fatto che se lo siamo “giocato e perso a carte”. Ormai tutti i film sono così, gli oscar vengono vinti solo con questo tipo di Grafica, una volta si girava in pellicola, adesso in digitale. Guarda la grafica di Vita di Pi: non ha nulla a che vedere con la grafica di ISDA, ma l’oscar è andato questo film. Adesso conta tanto la definizione delle immagini, e più dettagli ci sono, meglio è: è un po’ come fare le foto con le ultime fotocamere digitali, sono super dettagliate ma risulta tutto un po’ più “finto”. Mi dispiace solo di non averlo visto in 48 Fps visto che l’opera è stata concepita con questo tipo di tecnologia. Per quanto riguarda la sceneggiatura e la drammaticità, PJ si è espresso chiaramente: dovevano cogliere anche la comicità del libro, e per farlo hanno utilizzato il primo film, ma per gli altri due non ci sarà più spazio per essa. E’ stato il film più faticoso dei 3, l’ho sempre immaginato: 1) Doveva far fronte al continuo paragone della trilogia precedente; 2) Essendo ambientato in posti già visti, per tracciare un filo di continuità con la precedente trilogia hanno dovuto utilizzare la stessa colonna sonora (cosa giustissima secondo me); 3) Gli effetti speciali sono stati spettacolari secondo me ma hanno trovato il loro apice in una creatura già premiata dagli Oscar (Gollum); 4) La narrazione de Lo Hobbit prevedeva una prima parte più tranquilla e più comica, è adesso che comincia la parte “cruciale” del racconto; 5) A 6 mesi dall’uscita, i produttori ed il regista hanno saputo della divisione in 3 film. Con La Desolazione di Smaug, invece, ci troveremo davanti ad un film che: 1) Sarà paragonato non più alla precedente trilogia, ma al precedente film (Un Viaggio Inaspettato); 2) Ci troveremo di fronte a posti del tutto nuovi, ed avremo una colonna sonora totalmente rinnovata; 3) Gli effetti speciali troveranno il loro apice in una creatura del tutto sconosciuta (Smaug) al mondo del cinema, e che può segnare una nuova era per quanto concerne la fisionomia dei draghi, se sarà fatto bene, l’oscar non potrà che essere de LDdS (ragazzi, attenzione, quando uscì King Kong, la bestia del primo trailer era molto meno curata e definita di quella effettivamente uscita nelle sale, probabilmente sarà così anche per Smaug, anche se, personalmente, lo Smaug visto mi fa ben sperare), senza considerare Beorn, il Negromante, Bolg, tutte creature che non abbiamo ancora visto; 4) La narrazione comincia ad essere molto più “seriosa” e (citazione di PJ) ci avvicineremo molto allo stile de ISDA; 5) Hanno cominciato fin da subito sapendo che i film sarebbero stati 3, perciò non si sono trovati davanti al problema precedente. Come vedete, le premesse sono buone, non ci resta che attendere.

  21. Se la cover italiana fosse come quella giapponese saremmo a cavallo! Cioè, è uguale a quelle de ISDA!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.