Nuove foto dal set di Hobbiville su un quotidiano neozelandese

L’apertura dei lavori per l’allestimento del set di Hobbiville a Matamata ha riattivato l’interesse dei quotidiani Neozelandesi.  TheOneRing.net pubblica infatti il primo articolo dedicato dal Matamata Chronicle ai “lavori in corso”, con alcune nuove immagini di quello che sta accadendo ad Alexander Farm, dove gli scavi per ampliare il set dello Hobbit (già set del Signore degli Anelli) sono in corso.

In una didascalia della prima pagina, leggiamo: “All’ombra dei buchi per Hobbit originali, un nuovo buco prende forma”. La produzione, infatti, sta aggiungendo nuovi percorsi e nuove case a Hobbiton, che è stata preservata così come dieci anni fa dai proprietari del terreno, che ne hanno fatto una sorta di museo a cielo aperto. Ecco, riassunto, l’articolo:

Arrivano le prime foto dal set, e mostrano la casa degli Hobbit a Matamata, mentre iniziano i lavori di costruzione per il film da 475 milioni di dollari neozelandesi (circa 300 milioni di dollari americani). Il famoso set di Hobbiton, usato nel Signore degli Anelli, viene rinverdito con scavi e nuove piantumazioni di siepi alla Buckland RD Alexander farm.

Il direttore di Hobbiton Movie Set and Farm Tours, Russell Alexander, ha detto che non sa quando inizieranno le riprese. “Ora come ora gli affari vanno normalmente,” ha spiegato riguardo al possibile impatto dei lavori e delle riprese sul business dei tour sul set. Tuttavia è molto eccitato dai futuri benefici che le riprese daranno a Matamata.

(…) Il lato della collina è stato scavato, ma attualmente non si sa quale parte di Hobbiton viene costruita laggiù.

Qui sotto, grazie alla scansione dell’articolo da parte di un lettore di TheOneRing.net, potete vedere le immagini:

Quotidiano neozelandese, luglio 2009 Quotidiano neozelandese, luglio 2009

2 pensieri riguardo “Nuove foto dal set di Hobbiville su un quotidiano neozelandese”

  1. Vedo che ormai ci siamo avviati verso la parte “tangibile” del film! :)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.