I film dello Hobbit più dark del romanzo: cosa ne pensate?

Come sapete, Lo Hobbit è considerato un romanzo decisamente più solare e “favolistico” del Signore degli Anelli. Tuttavia, la scelta di un regista come Guillermo del Toro – molto noto per le sue pellicole horror, e dai tratti dark anche quando si tratta di favole come Il Labirinto del Fauno – lascia immaginare che i film dello Hobbit non lasceranno a desiderare in quanto a tonalità oscure.

E difatti il regista lo sta ripetendo già da diverso tempo: alcuni punti dei film saranno molto più dark. Ve lo accennavamo giusto l’altroieri:

Le parti più dark rispetto al libro saranno quelle geo-politiche, legate a Dol Guldur, che aggiungono una notevole gravità ai viaggi di Gandalf e all’origine della mappa e della chiave, ma credo fermamente che renderanno molto più soddisfacente lo scorrere della trama del film.

Del Toro ha anche spiegato, già nella primissima chat con i fan, che il primo film sarebbe partito con un aspetto e delle tonalità “innocenti”, per poi evolvere in qualcosa di più cupo e maturo.

Chi conosce bene il romanzo, tuttavia, sa che diversi punti ben si prestano a interpretazioni cupe e dark. Dalle scene con Gollum all’attacco dei mannari, al viaggio nel Bosco Atro. Persino il palazzo del Re degli Elfi ha un che di inquietante, per non parlare di tutte le scene con Smog.

Cosa ne pensate voi? Vi spaventa l’idea che il film possa essere più dark del romanzo? Secondo voi  lo è già il romanzo, almeno a tratti? Potete rispondere con un commento, e votando il sondaggio a destra in home o qui sotto:

Il film dello Hobbit più dark del romanzo?

    Anche il romanzo a volte è dark: l'importante è rispettare i toni (45%, 104 Votes)

    Mi piace l'idea! (40%, 92 Votes)

    Il libro non è dark, il film non dovrebbe esserlo (15%, 34 Votes)

    Il film dovrebbe essere meno dark del romanzo (1%, 2 Votes)

Totale voti: 232

Loading ... Loading ...

5 pensieri riguardo “I film dello Hobbit più dark del romanzo: cosa ne pensate?”

  1. non dimentichiamo che una trasposizione cinematografica è tutt’ altra cosa,e da questo punto di vista regista e sceneggiatori mettono in opera un vero e proprio atto creativo ex novo,percui credo che di concetto sia sbagliato aspettarsi un paragone netto con il libro,più dark o meno dark credo non sia importante,a chi interessa se poi vengono tagliati interi capitoli e personaggi??
    dunque così come era per Il signore degli anelli,quello che andremo a vedere sarà la visione di del toro riguardo lo hobbit, che con l’opera di tolkien non avrà proprio niente a che fare. Il poter della parola scritta rimarrà sempre tra le pagine del libro,il film piu’ scuro o meno scuro???
    Sicuramente il regista lavorerà sui registri a lui più congeniali,l’importante è che il lavoro sia di ottimo livello,insomma un bel film ecco!!! cavolo manca proprio parecchio però….

  2. Fare la trasposizione di un libro comporta inevitabili adattamenti, tuttavia credo che la genialità della trilogia di PJ sia stata nel saper rendere l’atmosfera della TdM, le ambientazioni, la poesia. Cioè, la trama è abbastanza fedele al libro, anche se con certi adattamenti e compromessi, ma quello che mi colpisce sono i colori, le luci, i costumi, le armi, le musiche, insomma le atmosfere. Ci si sente trasportati nella TdM ed è tutto molto coinvolgente.
    Allora nel caso dello Hobbit dovrebbe essere la stessa cosa. Certo, alcune parti del libro sono cupe, ma su tutto c’è sempre una certa “innocenza”, perché il protagonista è Bilbo. Quindi non credo che si dovrebbe esagerare coi toni dark. Forse le parti “aggiunte” (Dol Guldur eccetera) potrebbero essere più “spinte”, e certo che se si rappresentano il Bosco Atro, i Ragni o gli Orchi è inevitabile che le atmosfere siano dark, ma in genere penso che il mood generale della storia dovrebbe mantenersi più su uno stile eroico-fiabesco.
    Poi magari GDT fa un film dark e viene un capolavoro, chi lo sa… :)
    Quindi per quanto mi riguarda voto il punto 3 ;)

  3. Sicuramente nel libro ci sono dei punti che creano un atmosfera di suspance come l’attacco dei lupi, il colloquio con gollum, l’attraversata del bosco atro (questa più di tutte), l’attacco dei ragni, e persino la visita al castello di Re Trhanduil e gli elfi di bosco Atro. Però è anche vero che il romanzo è concepito come favola dalla maggiorparte della gente. Secondo me un tocco di del Toro ci starebbe bene, tanto per rendere il film più avvincente, senza però turbare la natura fiabesca del romanzo.

  4. Hai proprio ragione Paolo!Quello che sicuramente impressiona è in quale modo meraviglioso sono riusciti a rendere la Terra di Mezzo! Poi è logico non ci si può aspettare che un film sia uguale a un romanzo (anche perchè la libertà di immaginare è un dono meraviglioso!), ma trovo che in fondo PJ Habbia capito il significato che Tolkien voleva comunicare! Più dark va bene, ma senza troppi eccessi! In ogni modo sono sicura che sarà un capolavoro e sono felice al pensiero che questo film permetterà a tante nuova persone di scoprime il meraviglioso mondo di Tolkien! Il Signore degli Anelli lo ha permesso a me!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.