Guillermo del Toro aggiorna e commenta sullo Hobbit

Aveva promesso che dopo due settimane ci avrebbe rivelato il nome dell’attore che interpreterà Bilbo Baggins nello Hobbit, e invece evidentemente Guillermo del Toro ha deciso, insieme ai produttori, di aspettare il Comic-Con di San Diego, ovvero la terza settimana di luglio.

Nel frattempo, però, il regista continua a parlare del film sul forum di TheOneRing.net: traduciamo qui sotto alcuni dei suoi ultimi interventi.

Riguardo alla presenza di Mike Mignola per una decina di giorni durante la pre-produzione (l’artista aveva commentato che, da quel che ha visto, “il film potrebbe durare 16 ore):

Mignola è venuto qui quando eravamo al 30% della progettazione delle creature, e al 15% della progettazione dei set. Ora posso dire che siamo circa all’85% della progettazione delle creature e al 40% nel design dei set. Quindi immagino che ce ne sia abbastanza per un film di 40 ore! Ovviamente sto solo scherzando, meglio chiarirlo visto che l’ironia scritta non funziona bene.

Riguardo allo Hobbit animato del 1977, opera di Jules Bass e Arthur Rankin Jr.:

Tentarono di animare uno stile grafico che secondo me cercava di evocare Arthur Rackham, il quale mi risulta che non illustrò mai Tolkien ma fece l’Anello dei Nibelunghi. Alcune scelte cromatiche e di resa sono molto belle e suggestive, e penso che un’altra influenza notevole arrivi da Paul Cocker Jr. (molto famoso su MAD Magazine), il quale illustrava molto bene Troll e Goblin e mostri di vario tipo.

Lo Smog “felino” è almeno qualcosa di originale, e ha una personalità. Il Gollum di Cocker è triste e anfibio in una maniera vagamente Lovecraftiana.

Cercando di mantenere il tono da favola, la narrazione segue una veloce cronologia di viaggio che sembra collegarsi molto più scorrevolmente alla battaglia dei Cinque Eserciti di quanto non faccia il libro, per poi arenarsi drammaticamente. Il film del duo Rankin/Bass mi ricorda stranamente The Blues Brothers: un gruppo di viaggiatori intraprende una avventura e incontra una serie di gente a caso, per poi riunirsi tutti insieme alla fine per pretendere una restituzione. Notare inoltre che omette uno dei miei personaggi preferiti: Beorn.

Nota personale strana: trovo TUTTI i nani inquietanti e spaventosi nel loro design – il che era un fattore positivo, quando vidi il film da bambino!

Riguardo alla divisione in due film:

Noi stiamo concependo questi due film come parte di una entità più vasta, oltre che come rappresentazione del libro. Ecco quindi che la narrativa, i tempi, il ritmo e i toni dello Hobbit non saranno mai indipendenti, ma avranno lo sguardo proiettato verso la trilogia, e la inquadreranno anche in maniera diversa.

Penso che questo possa essere fatto. L’esperienza di vedere i due film dello Hobbit conterrà la stessa serie di impulsi iconici che esistono nel romanzo, ma verranno inseriti anche i momenti di Dol Guldur e del Negromante. Per molte persone questi film esistono come parte di un panorama geopolitico più vasto, ed è nostra convinzione che questo aumenta esponenzialmente l’attrazione per la storia.

(…) E’ mio compito solenne fare dello Hobbit la migliore esperienza cinematografica che il mezzo possa permetterci. Vogliamo che questi film siano unici e potenti, e nuovi per voi e i vostri figli, per quanto possano fare i nostri artisti e artigiani. Vogliamo metterci tutti in gioco per creare qualcosa che non è mai stato visto prima d’ora, piuttosto che trasporre semplicemente la storia al cinema. E forse, in futuro, piuttosto che guardarci indietro e discutere su cosa poteva essere o non essere fatto, potremmo sorridere nel vedere nuovi lettori e spettatori fare esperienza dell’Universo creato molto tempo fa dal Professore.

Riguardo ai toni dark di alcune parti del film:

Le parti più dark rispetto al libro saranno quelle geo-politiche, legate a Dol Guldur, che aggiungono una notevole gravità ai viaggi di Gandalf e all’origine della mappa e della chiave, ma credo fermamente che renderanno molto più soddisfacente lo scorrere della trama del film.

12 pensieri riguardo “Guillermo del Toro aggiorna e commenta sullo Hobbit”

  1. Quest’uomo mi piace sempre di più… mi sembra entato nella Terra di Mezzo in pieno…. l’ansia di sapere il cast mi sta logorando!

  2. Grande del Toro!
    è proprio convincente, anche se all’inizio ero dubbioso su di lui!

    Pier81, anche io sono in ansia per il cast!!!! :)

  3. per me, facessero anche un film di 80 ore! Più ce n’è, meglio è!

  4. Bhè qualunche sia la durata per me non è un problema!Tenendo conto che Il Signore Degli Anelli era + di 3 ore a film,penso che quest’ultimo vada sulla stessa falsa riga…..
    Ciao a tutti Giosuè

  5. Ciao a tutti
    Penso che dal Comic-Con di San Diego ci arriveranno molte ed interessanti informazioni sia sul materiale realizzato che sull’intero cast dello Hobbit. Ancora un può di pazienza. Io invece sarei curioso di sapere che farà Peter Jackson dopo lo Hobbit. Ci sarà una nuova trilogia in arrivo? Magari quella su Temeraire?

  6. Oddio PJ che gira Shannara ve lo immaginate? Mi piacerebbe un sacco anche se non mi piace la saga xD

  7. Onestamente non credo che la saga di Shannara faccia per PJ. Vedrei meglio registi del calibro di David Yates o Mike Newell. Per PJ averi un idea: un film o due (come lo Hobbit), su “I Figli di Hurin” . Il film sarebbe un misto tra Il Signore Degli Anelli e un dramma come Amabili Resti o simili. Il vantaggio sta nel fato che si potrebbero comprare il diritti di questo libro che è “separato” dal Silmarillion. Invece il lavoro che si sta facendo su Smog sarà utile per i draghi di Temeraire, se PJ decidesse di realizzare la saga. :)

  8. Vedere la Saga di Shannara al cinema sarebbe la realizzazione di un altro mio bellissimo sogno!!!! Ma dubito fortemente possa essere PJ il creatore del film…

    Ad un film su “I Figli di Hurin”, invece, non ci avevo mai pensato. Sarebbe una bellissima idea davvero!!

    Se un giorno dovessi vedere “Il Silmarillion” al cinema… penso che morirò di troppa gioia!! :P

  9. Anche io inizialmente ero dubbiosa sullla selta di Del Toro come regista, ma adesso sta cominciando a piacermi (anche se potrò dare un giudizio finale solo quando avrò visto il film!) anche se sono contenta che sia controllato dall’occhio vigile di Peter! Non vedo l’ora di avere notizie del cast!!! M quanto sono misteriosi?? Speriamo che con il Comic Con si sappia qualcosa!! è da un anno che aspettiamo! Mio Dio che bello che sarebbe se Peter facesse un film sul Silmarillion, anche se mi sembra molto improbabile…e da una parte temo che un film rovinerebbe quella grazia e quella elevatezza che invade tutto il romanzo!

  10. a me piacerebbe se facesserò un film sul Silmarillion ma credo che lo Hobbit vada abbastanza bene per completare l’idea di quel periodo e degli avvenimenti dello stesso, credo che Lo Hobbit possa dare un’ottima e completa idea sulla Terra di Mezzo senza bisogno di andare in una narrazione un pò troppo vasta, per me conviene lasciare le altre due ere della Terra di Mezzo nella fantasia del libro.

  11. Ciao andrea
    Concordo con te sul fatto che fare un film sul Silmarillion sarebbe quasi impossibile non solo per la narrazione un pò troppo vasta, ma anche perché il figlio di Tolkien, Christopher non vuole venderne i diritti. Il libro “I Figli di Hurin” però, è un libro per così dire “a se” perché già nel Silmarillion il racconto non era del tutto completo. Inoltre lo stesso Christopher rivelo tempo fa, dell’esistenza di altre due storie incomplete riguardanti l’avventura di Beren e Luthien e la caduta della città elfica di Gondolin. Quindi in teoria si potrebbero realizzare ben tre film, senza comprare i diritti del Silmarillion. Sai spesso i sogni si trasformano in realtà. Guarda quello che è successo con lo Hobbit. Nel 2006 sembrava un film impossibile, mentre oggi siamo qui a parlare di come PJ e Del Toro lo realizzeranno, giusto?
    Inoltre nel 2004 si parlava addirittura di una fiction tv ispirata alla Terra di Mezzo.
    http://www.fantasymagazine.it/notizie/1314/una-fiction-tv-ispirata-alla-terra-di-mezzo/

    “I Figli di Hurin” al cinema
    http://www.badtaste.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1963&Itemid=64

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.